Home Cronaca Lo Forte, Pignatone e Scarpinato al “depistaggio”

Lo Forte, Pignatone e Scarpinato al “depistaggio”

I magistrati Guido Lo Forte, Giuseppe Pignatone e Roberto Scarpinato hanno deposto a Caltanissetta al processo sul depistaggio delle indagini dopo la strage Borsellino. I dettagli.

Al processo in corso innanzi al Tribunale di Caltanissetta sul depistaggio delle indagini dopo la strage di Via D’Amelio, hanno deposto i magistrati Guido Lo Forte, Roberto Scarpinato e Giuseppe Pignatone, citati a testimoniare sul dossier ‘mafia e appalti’, risalente all’epoca immediatamente precedente alla morte di Paolo Borsellino e ritenuto tra i possibili moventi dell’attentato. La deposizione dei tre, a fianco di Borsellino alla Procura di Palermo nel ’92, è stata incentrata, in particolare, su quanto ha affermato l’avvocato Fabio Trizzino, legale di parte civile della famiglia Borsellino e marito di Lucia Borsellino, ovvero: “Cinque giorni prima della strage di Via D’Amelio, il giudice Paolo Borsellino partecipò a un incontro alla Procura di Palermo. In quell’occasione si parlò anche dell’inchiesta ‘mafia e appalti’, di cui Borsellino si era occupato a lungo. Ma in quell’incontro, il pubblico ministero, Guido Lo Forte, nascose a Borsellino di avere firmato, appena il giorno prima, l’archiviazione dell’inchiesta”. Ebbene, Guido Lo Forte ha replicato: “Tutto il pool antimafia, compreso Paolo Borsellino, sapeva della richiesta di archiviazione, che peraltro riguardava una tranche residuale dell’indagine ‘mafia e appalti’. Spiegammo che era una scelta obbligata perché, per le posizioni per cui volevamo chiedere l’archiviazione, non avevamo prove, e tutto ciò fu condiviso all’unanimità, senza rilievi. E’ assolutamente falso che avrei nascosto a Borsellino il fatto di avere firmato la richiesta di archiviazione. Borsellino era già informato di questa prospettiva, e poi io stesso ne parlai ai colleghi, lui compreso, in occasione della riunione del 14 luglio del 1992, cinque giorni prima della strage. Confermo che i carabinieri del Ros comunicarono solo nel 1992 l’esistenza di intercettazioni del 1990 che avrebbero potuto evitare la richiesta di archiviazione, e soprattutto che avrebbero potuto portare molto prima a indagini su politici e pezzi dell’imprenditoria italiana che poi la Procura comunque portò avanti. Si trattò di una anomalia grave”. E il collega Giuseppe Pignatone ha risposto così: “Borsellino, almeno in mia presenza e a riunioni a cui partecipai io, non disse mai che sull’inchiesta ‘mafia e appalti’ si sarebbe potuto fare di più. Cioè non si è mai lamentato che l’indagine non fosse stata valorizzata come meritava. Nessuno si è mai permesso di dirmi cosa fare dall’esterno, o ha fatto pressioni. In caso contrario lo avrei denunciato. Nessuna sottovalutazione: all’interno dell’ufficio l’allora procuratore Giammanco ci disse di lavorare e valorizzare gli elementi dell’inchiesta ‘mafia e appalti’ che andavano valorizzati. D’altro canto non si arrestano persone senza prove”. E, infine, Roberto Scarpinato ha confermato che i carabinieri del Ros depositarono solo nel settembre del 1992 delle intercettazioni del 1990 che avrebbero potuto evitare la richiesta di archiviazione, e poi ha aggiunto: “Chiedemmo perché non ce le avevano depositate prima, e un maresciallo del Ros ci disse che aveva ricevuto indicazioni dal Ros di non consegnarle perché non erano rilevanti. Questo fu il vero insabbiamento. E fu fatto credere che la Procura aveva intercettazioni su personaggi eccellenti e le nascondeva, mentre le aveva il Ros. Fu una cosa gravissima. Borsellino mi chiese a fine maggio del 1992 a che punto fosse l’indagine ‘mafia e appalti’. In quell’occasione gli feci una sintesi dell’indagine. Non mi risulta che Borsellino si sia lamentato che l’indagine non avesse avuto il respiro che meritava”.

Angelo Ruoppolohttps://www.teleacras.it
Giornalista professionista, di Agrigento. Nel febbraio 1999 l’esordio televisivo con Teleacras. Dal 24 aprile 2012 è direttore responsabile del Tg dell’emittente agrigentina. Numerose le finestre radio – televisive nazionali in cui Angelo Ruoppolo è stato ospite. Solo per citarne alcune: Trio Medusa su Radio DeeJay, La vita in diretta su Rai 1, Rai 3 per Blob Best, Rai 1 con Tutti pazzi per la tele, Barbareschi shock su La 7, Rai Radio 2 con Le colonne d’Ercole, con Radio DeeJay per Ciao Belli, su Rai 3 con Mi manda Rai 3, con Rai 2 in Coast to coast, con Rai 2 in Gli sbandati, ancora con Rai 2 in Viaggio nell'Italia del Giro, e con Radio 105 nello Zoo di Radio 105. Più volte è stato presente e citato nelle home page dei siti di Repubblica e di Live Sicilia. Il sosia di Ruoppolo, Angelo Joppolo, alias Alessandro Pappacoda, è stato il protagonista della fortunata e gettonata rubrica “Camera Zhen”, in onda su Teleacras, e del film natalizio “Gratta e scappa”, con una “prima” affollatissima al Cine Astor di Agrigento. I suoi video su youtube contano al marzo 2021 oltre 25 milioni di visualizzazioni complessive. Indirizzo mail: angeloruoppolo@virgilio.it

Most Popular

“Strage Licata”, il messaggio di cordoglio dei parroci

I parroci di Licata, Agozzino, Pace, Licata, Argento. Vizzi, Principato, Cardella, Fraccica, Burgio, e Scordino, hanno diffuso un messaggio di cordoglio a seguito della...

Sava: “Il processo a Saguto non è un processo all’antimafia”

E’ in corso in Corte d’Appello a Caltanissetta la requisitoria del procuratore generale Lia Sava al processo di secondo grado a carico dell’ex presidente...

In contromano lungo la 640 ad Agrigento, multato catanese

I poliziotti della Stradale di Agrigento, impegnati in un posto di controllo nei pressi della Rotonda degli Scrittori, lungo la statale 640, si sono...

Sanità, spesa fondi Pnrr, l’intervento di Razza

Come già pubblicato, dal Pnrr, il Piano nazionale di ripresa e resilienza, sono attesi in Sicilia 797 milioni di euro per la Sanità. Ebbene,...

Recent Comments