Home Senza categoria Pullara: "Sanità siciliana un colabrodo che fa acqua da tutte le parti....

Pullara: “Sanità siciliana un colabrodo che fa acqua da tutte le parti. Musumeci dimostri con i fatti che non tiene alla gestione delle poltrone ed affidi la sanità scegliendo per competenza e non per appartenenza”

“Da mesi anzi da anni evidenzio e denuncio una sanità regionale che non va”. Sono le parole del deputato della Lega e vice presidente della commissione sanità on. Carmelo Pullara.
“Piuttosto che soffermarmi sul facilmente criticabile discorso di ieri di Musumeci preferisco guardare alla realtà. Prima ero una voce isolata – spiega il deputato – oggi qualcuno inizia a svegliarsi. In sanità ricordo tagli di nastri, passerelle pompose e discorsi dalla cattedra ma anche rassicurazioni in aula all’Assemblea Regionale Siciliana ed in Commissione sanità quasi a dire che fosse solo demagogia.Oggi l’evidenza dei problemi è sotto gli occhi di tutti le immagini dei media spiegano perfettamente la situazione che sta vivendo la sanità siciliana con le sue inefficienze e inadeguatezze. Sono passati 2 anni da marzo 2020 e da allora sono stati versati fiumi di parole insieme a tanto sperpero di denaro. Il governo Musumeci e l’Assessore Razza in sanità hanno fallito! Hanno fallito nell’ordinario, e su tutti i fronti ormai, le liste di attesa sono lunghissime con tempi siderali. Hanno fallito – prosegue Pullara – sullo straordinario perchè la gestione del covid fa acqua da tutte le parti, le file interminabili di ambulanze davanti ai pronto soccorso un emblema Hanno fallito sulle riforme e sul rilancio come nel caso della riforma del 118, sull’ Adi (Assistenza Domiciliare Integrata) ancora al palo, sulla telemedicina e sulla innovazione tecnologica. Tutto ciò che è stato fatto per la gestione della pandemia è solo frutto delle iniziative del governo centrale imposte alle regioni, come le procedure emergenziali, il piano dei vaccini e la stabilizzazione dei precari. La sanità è andata avanti grazie al senso del dovere ed abnegazione degli operatori tutti cui va il plauso mio e non solo. Dimostri ora, Musumeci, -conclude Pullara – piuttosto che evocare con aggettivi guerre come in Etiopia o in Libia, ovvero ricordare come ai tempi di Crocetta/Lumia chi era con loro era nella legalità tutti gli altri nella illegalità e piuttosto che additare, come accattoni, i parlamentari che lo hanno sostenuto, non lo erano forse quando chiedeva il voto per Musumeci Presidente, dimostri con i fatti di essere di un’altra levatura e di potere sedersi in cattedra dispensando giudizi e patenti nomini un assessore alla sanità per competenza e non per appartenenza. E’ chiaro che se ciò non dovesse accadere siamo di fronte al cosiddetto “si predica bene e si razzola male”. Io al suo posto una riflessione la farei e non solo anche un bagno di umiltà rivolto all’ascolto e non all’aggressione”.

Most Popular

“Strage Licata”, il messaggio di cordoglio dei parroci

I parroci di Licata, Agozzino, Pace, Licata, Argento. Vizzi, Principato, Cardella, Fraccica, Burgio, e Scordino, hanno diffuso un messaggio di cordoglio a seguito della...

Sava: “Il processo a Saguto non è un processo all’antimafia”

E’ in corso in Corte d’Appello a Caltanissetta la requisitoria del procuratore generale Lia Sava al processo di secondo grado a carico dell’ex presidente...

In contromano lungo la 640 ad Agrigento, multato catanese

I poliziotti della Stradale di Agrigento, impegnati in un posto di controllo nei pressi della Rotonda degli Scrittori, lungo la statale 640, si sono...

Sanità, spesa fondi Pnrr, l’intervento di Razza

Come già pubblicato, dal Pnrr, il Piano nazionale di ripresa e resilienza, sono attesi in Sicilia 797 milioni di euro per la Sanità. Ebbene,...

Recent Comments