Home Cronaca “Messina Denaro non è in Sicilia”

“Messina Denaro non è in Sicilia”

“Matteo Messina Denaro non è in Sicilia”. E poi le complicità e gli interessi che ruotano intorno alla sua quasi trentennale latitanza. L’intervento di Saverio Lodato.

Saverio Lodato è giornalista e saggista, tra le firme più prestigiose su mafia e mafiosità in ambito nazionale. E’ di origine agrigentina, perché suo padre è di Canicattì. Ha iniziato a scrivere con lo storico quotidiano di Palermo, “L’Ora”, e poi con “L’Unità”. Forse non tutti ricordano che nel 1988 fu arrestato, insieme al collega di “Repubblica”, Attilio Bolzoni, per avere pubblicato le rivelazioni del pentito catanese, Antonino Calderone, violando il segreto istruttorio. Il reato fu cancellato dall’amnistia nel 1991. Saverio Lodato, tra l’altro, ha scritto un libro pietra miliare, “Ho ucciso Giovanni Falcone”, la confessione di Giovanni Brusca. Adesso, più di recente, Lodato insegue e traccia, con la penna sul foglio di carta, opere e peccati di Matteo Messina Denaro. E in occasione di un dibattito televisivo su “La 7”, ha offerto il proprio prezioso contributo, utile ad essere menzionato, sia per gli addetti che per i non addetti ai lavori. E sul perché della quasi trentennale latitanza del boss di Castelvetrano, Saverio Lodato è intervenuto così: “Si dice che Matteo Messina Denaro sia depositario dei documenti di Totò Riina, presi dalla villa che non fu perquisita dopo il suo arresto. Ma a quei documenti mai trovati si sono aggiunti i successivi. Perché la storia è andata avanti per 30 anni, ed è ancora oggi latitante. Lui è il depositario di tutti i segreti della stagione stragista italiana a cavallo di Capaci e via D’Amelio, e delle stragi del 1993 di Roma, Firenze e Milano. Ci sono sempre personaggi che sono in grado di traghettare l’organizzazione mafiosa in quelle situazioni in cui tutto sembra definitivamente perduto. Quante volte si pensava che la sconfitta della mafia fosse dietro l’angolo? E invece c’è sempre un latitante. E una volta che sarà preso Messina Denaro ci sarà qualcuno che ne avrà preso il posto”. E poi, in riferimento alla blindatura della latitanza del capomafia, Saverio Lodato ha commentato: “E’ impensabile al giorno d’oggi che possa mantenersi una latitanza del genere in assenza di complicità rispetto alla mafia da parte di apparati delle istituzioni dello Stato, di alti vertici delle Polizie e delle Armi che ci sono in questo Paese. Matteo Messina Denaro non è in Sicilia, anche se molti ritengono che lui non si allontani dal suo territorio nel Trapanese. Ci sono state tante operazioni, hanno fatto terra bruciata attorno, colpendo parenti, amici, compagni. Magari può godere della protezione di qualche Stato straniero poco propenso a collaborare con l’Italia, o con cui collabora qualche pezzo dell’Italia che ha sempre remato contro”.

Angelo Ruoppolohttps://www.teleacras.it
Giornalista professionista, di Agrigento. Nel febbraio 1999 l’esordio televisivo con Teleacras. Dal 24 aprile 2012 è direttore responsabile del Tg dell’emittente agrigentina. Numerose le finestre radio – televisive nazionali in cui Angelo Ruoppolo è stato ospite. Solo per citarne alcune: Trio Medusa su Radio DeeJay, La vita in diretta su Rai 1, Rai 3 per Blob Best, Rai 1 con Tutti pazzi per la tele, Barbareschi shock su La 7, Rai Radio 2 con Le colonne d’Ercole, con Radio DeeJay per Ciao Belli, su Rai 3 con Mi manda Rai 3, con Rai 2 in Coast to coast, con Rai 2 in Gli sbandati, ancora con Rai 2 in Viaggio nell'Italia del Giro, e con Radio 105 nello Zoo di Radio 105. Più volte è stato presente e citato nelle home page dei siti di Repubblica e di Live Sicilia. Il sosia di Ruoppolo, Angelo Joppolo, alias Alessandro Pappacoda, è stato il protagonista della fortunata e gettonata rubrica “Camera Zhen”, in onda su Teleacras, e del film natalizio “Gratta e scappa”, con una “prima” affollatissima al Cine Astor di Agrigento. I suoi video su youtube contano al marzo 2021 oltre 25 milioni di visualizzazioni complessive. Indirizzo mail: angeloruoppolo@virgilio.it

Most Popular

“Strage Licata”, il messaggio di cordoglio dei parroci

I parroci di Licata, Agozzino, Pace, Licata, Argento. Vizzi, Principato, Cardella, Fraccica, Burgio, e Scordino, hanno diffuso un messaggio di cordoglio a seguito della...

Sava: “Il processo a Saguto non è un processo all’antimafia”

E’ in corso in Corte d’Appello a Caltanissetta la requisitoria del procuratore generale Lia Sava al processo di secondo grado a carico dell’ex presidente...

In contromano lungo la 640 ad Agrigento, multato catanese

I poliziotti della Stradale di Agrigento, impegnati in un posto di controllo nei pressi della Rotonda degli Scrittori, lungo la statale 640, si sono...

Sanità, spesa fondi Pnrr, l’intervento di Razza

Come già pubblicato, dal Pnrr, il Piano nazionale di ripresa e resilienza, sono attesi in Sicilia 797 milioni di euro per la Sanità. Ebbene,...

Recent Comments