Home Politica “Miccichè e La Stampa”, si ricuce

“Miccichè e La Stampa”, si ricuce

Ancora tensioni nel centrodestra siciliano dopo l’intervista, poi smentita, di Gianfranco Miccichè a “La Stampa”. La Russa vola a Palermo e incontra Lagalla e Musumeci.

Nonostante l’accordo raggiunto a Palermo di convergenza unitaria sul candidato sindaco, Roberto Lagalla, le tensioni nel centrodestra sono insorte ancora una volta a causa – come già pubblicato ieri – dei contenuti, poi smentiti, dell’intervista di Gianfranco Miccichè al quotidiano nazionale “La Stampa”. Frasi del tipo: “Musumeci? Mai più, guardi… Cinque anni fa subimmo un’imposizione. Ma a condizione che non si ricandidasse. Cinque anni a rompere la mi… Ha trasformato i nostri assessori in ascari. A me ne ha tolti tre su quattro….”. E poi soprattutto Meloni e La Russa definiti “fascisti come è fascista Musumeci” hanno sollevato un polverone di polemiche. Ciò che ha maggiormente infuriato è che Miccichè abbia rivelato che Berlusconi gli avrebbe consigliato di fare la “mossa del cavallo”, appoggiando Lagalla a Palermo per poi affondare il Musumeci-bis alla Regione. Tanto è bastato perché il vice presidente del Senato di Fratelli d’Italia, Ignazio La Russa, si precipitasse a Palermo. Nella saletta di un hotel, l’emissario di Giorgia Meloni per le questioni siciliane si è riunito con Musumeci e Lagalla. La Russa ha colto la palla al balzo per riaffermare: “Noi siamo con Roberto Lagalla fin dall’inizio e siamo con Nello Musumeci: poi gli altri se vogliono fare un danno al centrodestra non si esprimono, se vogliono rafforzare il centrodestra sanno quello che devono fare. La vera ‘mossa del cavallo’ per tutti e anche per Gianfranco Miccichè sarebbe dire: “Bene! l’unità del centrodestra viene prima di ogni cosa”. E poi La Russa ha aggiunto: “Sarebbe bello che il vertice Berlusconi, Meloni e Salvini non fosse necessario per la Sicilia, e sarebbe bello, come noi abbiamo sempre detto, che fossero veramente i siciliani a sottolineare l’unità del centrodestra. Il vertice sarà necessario solo se la Sicilia non riuscirà a trovare l’unità. La mia venuta a Palermo è proprio per chiedere che non sia necessaria una riunione per decidere quello che è naturale: uniti su Roberto Lagalla, uniti su Musumeci”. E poi ha concluso: “Non prendo in considerazione l’ipotesi che gli alleati non sostengano la ricandidatura di Musumeci, non è possibile, è fuori da ogni logica. Do per scontato la sua ricandidatura”. E Roberto Lagalla, sintonizzandosi sulla stessa lunghezza d’onda, ha rilanciato: “Ribadisco quello che ho detto fin dall’inizio, da quando ero assessore nella giunta Musumeci a quando non lo sono stato più: esiste un principio, quello che nella scelta di un candidato si debba partire dalla posizione dell’uscente, quindi da Musumeci”.

Most Popular

Covid, in Sicilia circa 6mila nuovi positivi

Sono 5.832 i nuovi casi di Covid19 registrati a fronte di 26.850 tamponi processati in Sicilia secondo il bollettino odierno. Il giorno precedente i...

Piparo: “Bisogna riaprire la via Atenea al traffico”a

Una nuova proposta in aiuto degli esercizi commerciali di Via Atenea arriva dal consigliere comunale di Fratelli d’Italia, Gerlando Piparo: “Invito l’Amministrazione attiva a...

L’Anca su ingorgo scadenze fiscali del 30 giugno

Il direttivo dell’Associazione Nazionale Commercialisti Agrigento lancia l’allarme sull’ingorgo di scadenze che rischia di provocare non pochi problemi alle aziende contribuenti che il...

Agrigento, ecco l’infiorata di San Calogero

Ad Agrigento dal pomeriggio di ieri fino alla tarda mattinata di oggi sono stati a lavoro gli artisti dell’Associazione infioratori di Montallegro, autori dell’infiorata...

Recent Comments