Home Politica Fava candidato alla presidenza della Regione

Fava candidato alla presidenza della Regione

Claudio Fava si candida alla presidenza della Regione. La candidatura sottoposta all’esame del tavolo tecnico progressista. Le prospettive.

Claudio Fava, presidente della Commissione regionale antimafia, e leader del movimento “Cento passi”, si candida alla presidenza della Regione. Domani a Catania è stata organizzata la prima manifestazione di battesimo della campagna elettorale. All’iniziativa saranno presenti molti dei firmatari dell’appello a sostegno della sua candidatura. E sarà costituita una rete di comitati nel territorio della regione, sotto il titolo: “Fava Presidente”. Alle ultime elezioni Regionali, il 4 novembre del 2017, Fava si candidò alla presidenza della Regione, e sfidò Musumeci, Micari e Cancelleri correndo con la lista “Cento passi per la Sicilia”. Fu sostenuto da una coalizione di sinistra composta da Articolo 1 – MDP, Sinistra Italiana, Possibile, Rifondazione Comunista e Verdi. Ottenne solo il 6,10%, ma la lista conquistò un seggio, e Claudio Fava fu eletto deputato all’Assemblea regionale siciliana. Nel frattempo il semaforo verde alle Primarie nel centrosinistra per le elezioni Regionali in Sicilia è atteso entro la fine della settimana o l’inizio della prossima. Il tavolo di valutazione, appositamente istituito, prenderà in considerazione la relazione dei tecnici incaricati di tracciare modalità e regolamento per l’individuazione del candidato o della candidata alla presidenza della Regione per il campo progressista. Nell’attesa, Claudio Fava ha deciso d’imprimere un’accelerata alla propria campagna elettorale per le Primarie, sottolineando: “Mi candido per rappresentare le forze politiche democratiche e le esperienze di civismo che abbiamo conosciuto in questi anni”. A comporre il tavolo sono stati designati tre tecnici, rappresentanti delle forze politiche dell’area: si tratta di Simone Morgana (Movimento 5 Stelle), Alfredo Rizzo (Partito Democratico) e Sergio Lima (Cento Passi). L’obiettivo è l’unità della coalizione su scelte condivise. Qualora non vi fosse l’accordo su una candidatura, allora a luglio si svolgeranno le consultazioni Primarie. La formula adottata è del campo progressista, ovvero centrosinistra allargato al Movimento 5 Stelle, già vincente alle scorse Amministrative, e che in Sicilia è stata sperimentata più volte e meglio rispetto ad altre parti del Paese. E gli addetti ai lavori spiegano: “E’ una coalizione unita non soltanto nel perimetro e nelle sigle dei partiti, ma anche nei valori per costruire una Sicilia migliore e diversa rispetto ai disastri di Musumeci e del suo governo di centrodestra”.

Most Popular

Cianciana resta a secco, il sindaco Martorana: “Subito ci siamo prodigato per riparare la rottura della condotta”

A seguito di una nuova rottura sulla condotta idrica cittadina, il sindaco di Cianciana, Francesco Martorana, ha comunicato alla cittadinanza che nella giornata di...

Ztl in via Atena, ecco la nuova ordinanza estiva

Con l’arrivo della stagione estiva la via Atenea farà registrare una notevole presenza di avventori, soprattutto nelle ore pomeridiane e serali. E’ questo il...

Il ritratto del Cardinale Montenegro ubicato a Palazzo Vescovile

Questa mattina, nel primo anniversario della conclusione del servizio pastorale del Card. Francesco Montenegro e l’inizio del ministero episcopale di mons. Alessandro Damiano (22...

Su Teleacras in onda Speciale Medicina sul trapianto dell’utero

Su Teleacras, domani, sabato 21 maggio, sul Canale 178, alle ore 13 e alle ore 21, in onda Speciale Medicina. Ospiti di Simona Carisi...

Recent Comments