Home Politica Cassa Regione, Schifani a Roma

Cassa Regione, Schifani a Roma

Domani il presidente della Regione, Renato Schifani, incontra a Roma il ministro Giorgetti sulle incombenze finanziarie in Sicilia. L’intervento sui termovalorizzatori.

Il presidente della Regione, Renato Schifani, domani, giovedì, vola a Roma. Nella Capitale incontrerà il ministro dell’Economia, il commercialista della Lega, Giancarlo Giorgetti. Il suo obiettivo è ottenere aiuti economici per varare la manovra economica regionale, la cosiddetta finanziaria, da trasferire poi in Assemblea per l’approvazione entro il 31 dicembre, almeno secondo gli auspici. In base ai primi calcoli degli uffici preposti, la cifra che Palazzo d’Orléans chiederà al ministero ammonta a circa 600 milioni di euro. Si tratta di una somma che la Regione invoca come compensazione dei mancanti trasferimenti da parte dello Stato per l’aumento della spesa sanitaria che è stato coperto direttamente dalla Sicilia, quando invece la normativa in materia prevede la compartecipazione alla spesa di Stato e Regione. Schifani e Giorgetti discuteranno anche della redazione della legge di bilancio siciliana e dell’incognita legata al giudizio di parifica del rendiconto 2020 atteso il prossimo 3 dicembre. A tal proposito il presidente del collegio giudicante della Corte contabile ha fissato a dopodomani, venerdì, il termine ultimo per fornire altre eventuali contro-deduzioni a difesa dell’operato della Regione che ha dilazionato il pagamento di quasi 900 milioni di euro di disavanzo in 10 anni quando invece, secondo le contestazioni, avrebbe dovuto spalmare il debito in 3 anni. Nel frattempo il presidente della Regione interviene nel merito del dibattito, appena risollevato, sulla costruzione dei termovalorizzatori in Sicilia. E ribadisce: “E’ evidente che sui rifiuti non si può continuare ad andare avanti di emergenza in emergenza: la scelta strategica di realizzare i termovalorizzatori è ineluttabile per permettere alla Sicilia di risolvere il problema rifiuti in via definitiva. Bisogna lavorare con velocità su questo fronte. Musumeci mi ha detto che ne erano già previsti uno a Catania e uno a Gela: se da un punto di vista burocratico è tutto a posto, li faremo. Oggi i termovalorizzatori sono a prova di bomba dal punto di vista dell’inquinamento. Assicurerò subito gli atti necessari per realizzare i due impianti. Quello di Catania mi lascia sereno, nell’acciaieria. Su Gela verificherò se la procedura è in fase avviata. Il mio obiettivo è non sfidare il territorio. La mia idea rimane quella di un termovalorizzatore a Palermo, ma il mio dovere è verificare se la procedura per Gela è in fase avviata. Se ripartire da Palermo fa perdere un anno, preferisco Gela”.

Most Popular

Omicidio Alaimo, convalidato l’arresto in carcere di Vetro

Il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Agrigento, Micaela Raimondo, ha convalidato l’arresto in carcere di Adriano Vetro, 47 anni, di Favara,...

Salario minimo, alla Camera dei Deputati passa la mozione cofirmata dall’On. Calogero Pisano

Importanti novità giungono dalla Camera dei Deputati dove ieri erano in discussione le mozioni concernenti iniziative volte all’introduzione del salario minimo, ossia la soglia...

Confartigianato Agrigento e il comune di Comitini stipulano una convenzione. I dettagli, oggi al Vg

Il Comune di Comitini, guidato dal sindaco, Luigi Nigrelli, ha stipulato una convenzione con la Confartigianato di Agrigento, diretta da Gianofrio Pagliarulo circa l'utilizzo...

Palma di Montechiaro, approvato con largo anticipo dalla giunta Castellino il Bilancio di previsione per il prossimo trienno

Altro grande traguardo, frutto di un lavoro certosino ed a 360 gradi, raggiunto dall'amministrazione comunale di Palma di Montechiaro, guidata dal sindaco Stefano Castellino....

Recent Comments