Home Flash Il Tar condanna il Comune di Lampedusa

Il Tar condanna il Comune di Lampedusa

La signora M R, sono le iniziali del nome, 75 anni, di Lampedusa, è proprietaria di un’area sita in contrada Cala Croce a Lampedusa. La stessa aveva presentato al Comune di Lampedusa una richiesta tendente al rilascio di un permesso di costruire sulla stessa area per la realizzazione di un fabbricato da destinare a civile abitazione per uso turistico. Durante la fase istruttoria del procedimento venivano acquisiti i pareri favorevoli della Soprintendenza ai beni culturali di Agrigento, dell’Ispettorato delle foreste, e dell’Asp di Palermo. Pertanto il Comune assentiva la richiesta avanzata. Successivamente al rilascio del permesso di costruire, la signora M R chiedeva al Comune di Lampedusa l’approvazione di una variante al permesso di costruire. Per la realizzazione della variante venivano parimenti acquisiti i pareri favorevoli da parte della Soprintendenza, dell’Ispettorato delle foreste e dell’Asp di Palermo, ma l’Amministrazione comunale restava silente, nonostante la notifica di una atto di messa in mora. Dunque, la signora lampedusana ha proposto un ricorso davanti al Tar Sicilia, con il patrocinio degli avvocati Girolamo Rubino e Leonardo Cucchiara, per l’annullamento del silenzio-inadempimento formatosi sulla richiesta di variante. Il Tar accoglieva il predetto ricorso, e ordinava al Comune di Lampedusa di adottare entro 30 giorni un provvedimento espresso sulla richiesta di variante. A questo punto il Comune di Lampedusa comunicava alla richiedente l’avvio del procedimento di annullamento d’ufficio del permesso di costruire, nonchè il preavviso di rigetto della richiesta di variante. La richiedente presentava una memoria procedimentale, corredata da apposita relazione tecnica, ma l’Amministrazione Comunale, senza tenere conto delle osservazioni tecniche presentate, annullava in autotutela il permesso di costruire e rigettava il progetto di variante. Da qui la determinazione della signora lampedusana di proporre un nuovo ricorso davanti al Tar Sicilia, sempre con il patrocinio degli avvocati Rubino e Cucchiara, per l’annullamento dei nuovi provvedimenti, gravemente lesivi, adottati dal Comune. In particolare gli avvocati Rubino e Cucchiara hanno censurato i provvedimenti impugnati sotto molteplici profili, sia perchè il Comune non aveva adeguatamente motivato il mancato accoglimento delle osservazioni presentate, sia perchè il Comune non aveva valutato il legittimo affidamento ingenerato in capo alla ricorrente in relazione al titolo edilizio rilasciato da lungo tempo. Il Tar Sicilia Palermo ha ritenuto fondate le censure formulate dagli avvocati Rubino e Cucchiara, ed ha accolto il ricorso, condannando il Comune di Lampedusa al pagamento delle spese giudiziali, liquidate in 2mila euro oltre accessori. Pertanto, per effetto della sentenza resa dal Tar, riacquista efficacia il titolo edilizio rilasciato alla signora lampedusana mentre il Comune di Lampedusa e Linosa dovrà pagare le spese giudiziali.

Redazionehttp://www.teleacras.com
redazione@teleacras.com

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Most Popular

Giovani Italia Viva invocano dimissioni Faraone. Vertici agrigentini si dissociano

I Giovani di Italia Viva della provincia di Agrigento, tramite il coordinatore, Giorgio Bongiorno, invocano le dimissioni del segretario regionale di Italia Viva, Davide...

La Fipe su Parco Templi e dintorni. Intervista al Vg

Alcune rimostranze tra il Parco della Valle dei Templi e dintorni: "gestione fallimentare e critiche anche verso gli spettacoli nella Valle". in proposito un'intervista...

Lampedusa, arrestati 18 tunisini e 2 egiziani

A Lampedusa i poliziotti della Squadra Mobile di Agrigento, coordinati da Giovanni Minardi, hanno arrestato 20 cittadini stranieri, tra 18 tunisini e 2 egiziani,...

300 tonnellate di rifiuti in strada a Palermo

Nuova emergenza rifiuti a Palermo. L’ammontare della spazzatura non raccolta è di circa 300 tonnellate, e in alcuni quartieri, tra Borgo Nuovo, Villaggio Santa...

Recent Comments