Home EDITORIALI Il caso Monte dei Paschi di Siena

Il caso Monte dei Paschi di Siena

Dalla fine dello scorso dicembre, lo Stato detiene più del 50% delle quote (maggioranza assoluta) di Banca Monte dei Paschi di Siena. Pensare però che da questo momento la politica “entri” nelle logiche e nei meccanismi di funzionamento della Banca sarebbe ingenuo: in un certo senso MPS è sempre stata legata a doppio filo alla politica, sin dalla sua nascita come Monte di Pietà rivolto alle classi disagiate, per cui lo Stato poneva a garanzia dei depositi le rendite dei pascoli demaniali della Maremma (i “Paschi”, per l’appunto), fino ad arrivare a pochi anni fa, momento in cui la Fondazione Monte dei Paschi deteneva la maggioranza assoluta delle azioni della Banca. I vertici della Fondazione vengono scelti per la maggior parte dai rappresentanti della politica del luogo (il sindaco di Siena e il presidente della Regione Toscana, per nominarne alcuni), e questo stretto legame ha generato nel corso dei decenni una serie di investimenti massicci sul territorio da parte di MPS, guidati più da logiche politiche che dai principi di profittabilità e sostenibilità. Il mantenimento di questa enorme mole di investimenti ha portato i manager a intraprendere una serie di operazioni rischiose e ai limiti della liceità che, nell’ultimo decennio, hanno di fatto determinato la profonda crisi finanziaria che oggi Banca Monte dei Paschi attraversa.
Provando a ripercorrere i principali e più recenti eventi che hanno portato MPS al punto in cui si trova, incontriamo le acquisizioni folli di Banca Agricola Mantovana, Banca del Salento e Banca Antonveneta, quest’ultima solo 2 mesi dopo l’acquisto della stessa da parte di Banca Santander al 25% in meno, e che ha richiesto un aumento di capitale da 9 miliardi di euro, di cui 5,8 a carico degli azionisti; troviamo i Tremonti Bond, l’uso quasi disperato degli strumenti derivati per provare a colmare le scoperture, e infine arriviamo al 2016, al precipitoso susseguirsi di eventi che proviamo a schematizzare, e che ha di fatto determinato il destino della Banca in pochi, concitati mesi.

Sabrina Santamariahttp://www.teleacras.com
Laureata in Economia con specializzazione in Management Aziendale, è Manager di una società di consulting nel settore banche e assicurazioni con sede a Milano. Su Teleacras cura la rubrica d'economia «Asso di denari»

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Most Popular

Omicidio Alaimo, convalidato l’arresto in carcere di Vetro

Il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Agrigento, Micaela Raimondo, ha convalidato l’arresto in carcere di Adriano Vetro, 47 anni, di Favara,...

Salario minimo, alla Camera dei Deputati passa la mozione cofirmata dall’On. Calogero Pisano

Importanti novità giungono dalla Camera dei Deputati dove ieri erano in discussione le mozioni concernenti iniziative volte all’introduzione del salario minimo, ossia la soglia...

Confartigianato Agrigento e il comune di Comitini stipulano una convenzione. I dettagli, oggi al Vg

Il Comune di Comitini, guidato dal sindaco, Luigi Nigrelli, ha stipulato una convenzione con la Confartigianato di Agrigento, diretta da Gianofrio Pagliarulo circa l'utilizzo...

Palma di Montechiaro, approvato con largo anticipo dalla giunta Castellino il Bilancio di previsione per il prossimo trienno

Altro grande traguardo, frutto di un lavoro certosino ed a 360 gradi, raggiunto dall'amministrazione comunale di Palma di Montechiaro, guidata dal sindaco Stefano Castellino....

Recent Comments