Home Cronaca Sicilia, contagi sempre più giù

Sicilia, contagi sempre più giù

L’incidenza dei positivi in Sicilia è all’1,6%. In netto miglioramento tutti i dati relativi alla pandemia. Musumeci conferma: “Dal 21 giugno in zona bianca”.

Sono 156 i nuovi positivi al covid in Sicilia, su 9.759 tamponi processati, con una incidenza dell’1,6%, in linea con la media nazionale. La regione è al terzo posto in Italia per numero di contagi giornalieri. Le vittime sono state 3, per un totale di 5.876. Il numero degli attuali positivi è di 7.883, con una diminuzione di 88 casi rispetto al precedente report. I guariti sono 241. Negli ospedali i ricoverati sono 435, 9 in più, e quelli nelle terapie intensive sono 43, 1 in meno. Ecco la distribuzione dei nuovi casi tra le province: Palermo 42, Catania 41, Messina 24, Caltanissetta 17, Siracusa 14, Trapani 13, Ragusa 4, Enna 1, Agrigento 0. Nel frattempo l’ufficio statistica del Comune di Palermo ha reso noti i dati sulla pandemia riguardanti l’ultima settimana. Si riduce il numero dei nuovi positivi, dei ricoverati e dei morti, anche se aumenta, rispetto alla settimana precedente, il numero dei nuovi ingressi in terapia intensiva. I nuovi positivi in Sicilia sono 1.973, il 25,8% in meno rispetto alla settimana precedente, quando si era registrata una diminuzione del 6,3%. Si tratta dell’incremento settimanale più basso dallo scorso ottobre. La Sicilia, dunque, come già previsto da parte delle strutture nazionali preposte all’emergenza sanitaria, sarà zona bianca dal 21 giugno. E a tal proposito il presidente della Regione, Nello Musumeci, ribadisce l’importanza dei vaccini e afferma: “Siamo tutti ottimisti, e dal 21 giugno anche noi torneremo senza limiti, anche se bisogna continuare a osservare le regole della prudenza. La battaglia contro il virus non è vinta, e non è il colore della zona che ci mette al sicuro. Quello che ci mette al sicuro è che anche l’ultimo cittadino siciliano sia sottoposto a vaccino. Abbiamo affrontato settimane difficili per superare il partito dei recalcitranti e dei diffidenti al vaccino. L’apertura ai giovani ha avuto delle risposte straordinarie, ed è il segno evidente che c’è una diffusa cultura del vaccino, che diventa cultura della prevenzione. Nei giovani c’è una maggiore consapevolezza e responsabilità dell’utilità del vaccino rispetto agli over 60”. E poi, in riferimento alla de-localizzazione delle vaccinazioni, ovvero fuori dai centri vaccinali, Musumeci ha aggiunto: “Grazie alle aperture dei vaccini nelle farmacie e con le vaccinazioni domiciliari abbiamo immunizzato anche quegli anziani che non volevano sottoporsi al vaccino. Con gli over 80 abbiamo raggiunto l’80,91% in prima dose e il 72% in seconda dose”.

Most Popular

“Torneremo a scuola” con la Polizia di Stato (video)

In occasione dell’inizio dell’anno scolastico, il suono della campanella è stato accompagnato dalle note di “Torneremo a scuola”, un brano musicale ad opera della...

La Cgil al Consorzio Tre Sorgenti: “Risolvete la perdita d’acqua”

La Cgil di Agrigento, tramite il segretario provinciale Alfonso Buscemi, che allega una foto testimonianza, rilancia la necessità di risolvere il problema della...

Il busto bronzeo di Livatino sotto l’ex palazzo di giustizia ad Agrigento

L’amministrazione comunale di Agrigento ha accolto la donazione del busto raffigurante il beato giudice Rosario Angelo Livatino, dell’artista Salvatore Navarra. Su proposta del direttore...

“Covid”, avanti tutta

Incidenza dei positivi in Sicilia al 4,1%. Il commissario Figliuolo esprime apprezzamento per il lavoro della Regione: “La Sicilia sarà presto tra le regioni...

Recent Comments