Home Politica Anche le Province da impugnare...

Anche le Province da impugnare…

La riforma delle Province in Sicilia lungi dall’ essere attuata. Appello di Area Popolare al governo nazionale affinchè impugni la legge.
Non solo le leggi di riforma degli appalti e della gestione del servizio idrico in Sicilia sono nell’ occhio del ciclone. Anche la legge che ha soppresso le Province, ancora in verità non attuata, non gode di ottime salute. E Area popolare lancia un appello al governo nazionale affinchè la impugni. Il senatore Bruno Mancuso invoca : “Spero che la legge sui liberi consorzi e città metropolitane approvata dal Parlamento siciliano sia impugnata dal governo nazionale. È una norma che reca evidenti profili di incostituzionalità ed è in totale disaccordo con i principi della legge nazionale di Delrio, un’operazione di trasformismo politico senza precedenti, in perfetta coerenza con i presupposti fondanti della falsa rivoluzione crocettiana. La Sicilia non può smentire se stessa : è terra di gattopardi, abbiamo cambiato nome alle Province ma sono rimaste tali, un’operazione senza precedenti che ci rende ancora più unici e speciali rispetto al resto d’Italia. Siamo stati i primi ad abolirle, così Crocetta ha nominato un suo commissario per ogni provincia. E saremo gli ultimi a mantenerle : si chiamino liberi consorzi o città metropolitane sempre province sono. Presto, con la riforma costituzionale di prossima approvazione in Parlamento, le province scompariranno dall’ordinamento italiano mentre in Sicilia resteranno vive e vegete sotto falso nome con l’aggravante che saranno governate da pochi eletti con un sistema elettorale indiretto dove prevarranno accordi politici (leggasi inciuci) destinati a consegnare ad un potere oligarchico la gestione di enti territoriali con funzioni amministrative enormemente potenziate e senza la presenza del Consiglio provinciale, organo di controllo ed indirizzo politico costituito da rappresentanti di tutto il territorio democraticamente eletti dai cittadini” – conclude Mancuso. E “in altre parole – sintetizza il collega Alessandro Pagano – con l’approvazione della riforma costituzionale in tutta Italia le Province saranno solo un ricordo, eccezion fatta per la Sicilia che continua ad abusare del suo statuto per fare cose non buone”.

Articolo precedenteIl giorno di Livatino
Articolo successivoEcco i lavori a San Giuseppe
Redazionehttp://www.teleacras.com
redazione@teleacras.com

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Most Popular

Incidente mortale a Sciacca: muore un uomo di Canicattì

Un’autovettura Mercedes, per cause ancora in corso d’accertamento, è precipitata dal viadotto del torrente Bagni, a poche centinaia di metri dall’abitato di Sciacca. Il...

Covid: in Sicilia 183 nuovi positivi, cinque i decessi

Sono 183 i nuovi positivi al Covid 19 registrati in Sicilia nelle ultime 24 ore, su 13.525 tamponi processati, con una incidenza che torna...

Il Consorzio Universitario di Agrigento ospita Aldo Cazzullo

Nell’ambito delle iniziative culturali promosse dal Consorzio universitario di Agrigento, lunedì prossimo, 21 giugno, alle ore 10:30, nell’auditorium “Rosario Livatino”, il Consorzio, in collaborazione...

Truffa on line a danno della parrocchia di Calamonaci, denunciato

I Carabinieri della stazione di Calamonaci, in provincia di Agrigento, dopo avere ricevuto la querela da parte di un giovane di 20 anni attivo...

Recent Comments