HomeAttualitàAgrigento, ex Lsu in piazza

Agrigento, ex Lsu in piazza

Ad Agrigento si manifesta e si protesta. Giovedì prossimo 9 febbraio la piazzola antistante l’ Ufficio scolastico provinciale, ex Provveditorato agli Studi, sarà affollata. Dalle ore 9 in poi i lavoratori ex socialmente utili nelle scuole manifesteranno e invocheranno un incontro con il dirigente del Provveditorato, Raffaele Zarbo. E poi proseguiranno in marcia, lungo il Viale della Vittoria, fino alla Prefettura, dove inviteranno il prefetto Nicola Diomede ad incontrarsi con loro, insieme ai sindacati, che hanno organizzato l’ iniziativa e scritto una lettera al capo del Governo, Gentiloni, al Questore di Agrigento, Finocchiaro, e allo stesso Raffaele Zarbo. La vertenza ruota intorno alle prospettive dei lavoratori ex Lsu impegnati nella pulizia e nella manutenzione delle scuole. Sono stati stabilizzati nel 2001 con contratto a tempo indeterminato, part – time a 35 ore alla settimana. Ebbene, secondo i sindacati di categoria, le risorse finanziarie stanziate dal Governo non sarebbero sufficienti nemmeno a pagare il mese di febbraio. Al ministero della Pubblica istruzione è stata avviata una trattativa, ma si sarebbe arenata perché non si conosce alcun esito. L’epilogo tracciato dalla Cgil Filcams è l’esubero dei lavoratori, e senza ammortizzatori sociali: un volo nel vuoto senza paracadute. Infatti, nella provincia agrigentina, nelle scuole, lavorano 207 ex Lsu con soli 118 posti accantonati. 207 meno 118 uguale 89, che sarebbero in esubero. Il dirigente agrigentino Cgil Filcams, Franco Castronovo, auspica: “Per evitare che la vertenza degeneri e diventi problema sociale, chiediamo che si apra un confronto immediato e serio con le parti sociali. Adesso è il momento di razionalizzare ed utilizzare al meglio le risorse, non sicuramente facendo appalti e sub appalti che creano immense dispersioni di denaro pubblico. Questa categoria di lavoratori ha subito mortificazioni, ingiustizie sociali e declassamenti illegittimi. Occorre dare serenità con una giusta stabilizzazione, utilizzando contratti di diritto privato negli organici delle scuole, anche a copertura di tutti i posti accantonati attribuendo ad essi oltre l’incarico di pulire, anche quello di svolgere altre mansioni come custodia e ausiliariato, sapendo benissimo che le scuole senza il loro giornaliero lavoro, non potrebbero continuare le proprie attività.”

Angelo Ruoppolo
Angelo Ruoppolohttps://www.teleacras.it
Giornalista professionista, di Agrigento. Nel febbraio 1999 l’esordio televisivo con Teleacras. Dal 24 aprile 2012 è direttore responsabile del Tg dell’emittente agrigentina. Numerose le finestre radio – televisive nazionali in cui Angelo Ruoppolo è stato ospite. Solo per citarne alcune: Trio Medusa su Radio DeeJay, La vita in diretta su Rai 1, Rai 3 per Blob Best, Rai 1 con Tutti pazzi per la tele, Barbareschi shock su La 7, Rai Radio 2 con Le colonne d’Ercole, con Radio DeeJay per Ciao Belli, su Rai 3 con Mi manda Rai 3, con Rai 2 in Coast to coast, con Rai 2 in Gli sbandati, ancora con Rai 2 in Viaggio nell'Italia del Giro, con Radio 105 nello Zoo di Radio 105 e Rebus su Rai 3. Più volte è stato presente e citato nelle home page dei siti di Repubblica e di Live Sicilia. Il sosia di Ruoppolo, Angelo Joppolo, alias Alessandro Pappacoda, è stato il protagonista della fortunata e gettonata rubrica “Camera Zhen”, in onda su Teleacras, e del film natalizio “Gratta e scappa”, con una “prima” affollatissima al Cine Astor di Agrigento. I suoi video su youtube contano al giugno 2023 quasi 30 milioni di visualizzazioni complessive. Gli sono stati assegnati diversi premi tra cui: "Sipario d'Oro", "Alessio Di Giovanni", "Mimosa d'Oro", "Pippo Montalbano". Indirizzo mail: angeloruoppolo@virgilio.it
- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments