Home Cronaca Droga “H 24”, 5 arresti

Droga “H 24”, 5 arresti

A Palermo la droga come il pronto pizza, “ok, sì, arrivo”. Nottetempo la Squadra Mobile ha arrestato 5 giovani spacciatori, perché avrebbero imbastito un servizio di vendita di droga al dettaglio e a domicilio su ordinazione. 24 ore su 24. Ecco perché il blitz è stato intitolato “H 24”. Una telefonata ai cellulari, loro sempre presenti a turno, e avrebbero puntualmente risposto: “Stiamo arrivando”, come il candidato consigliere provinciale di Agrigento, Giovanni Bivona, nel suo spot elettorale, “Sto arrivando” … La base operativa sarebbe stata il centro cittadino, e tra i clienti vi sarebbero stati anche avvocati, commercianti, e un assistente di volo, come riscontrato dai poliziotti della Narcotici capitanati da Rodolfo Ruperti e coordinati dal sostituto procuratore Maurizio Agnello. Le indagini hanno svelato un business stupefacente tra la “Palermo bene” e i 5 pusher, divisi in 2 gruppi, e dotati di un call center da oltre 800 telefonate al giorno di media, per più di 900 clienti. E in 2 mesi le telefonate contate sarebbero state 35mila. Quasi un chilo di cocaina sarebbe stato venduto ogni mese, con una media di 60 grammi al giorno, per un volume di affari di circa 300mila euro. E la droga, come accertato dalle analisi della Polizia scientifica, è stata pura e raffinata, “roba” con un principio attivo almeno dell’80 per cento. La Polizia ha anche intercettato la compravendita della cocaina, e in appena 2 mesi sono stati sequestrati 2 chili di polvere bianca. Immancabili tra cliente e spacciatori sono state le frasi in codice per depistare, come, ad esempio: “Vediamoci al tennis”, oppure, trattandosi di un avvocato all’interno del suo studio legale, “Sali per leggere il fascicolo”, e il fascicolo sarebbe stata la cocaina. Prezzi competitivi: 2 dosi 50 euro, e spesso ne sono state acquistate più di 2 come scorta per il fine settimana. “Difficoltà di pagamento? Non ti preoccupare, paga a rate” – sempre con gentilezza e cortesia, perché il cliente è prezioso. Poi, altre intercettazioni, e le parole tra spacciatore e un professionista sono state: “Ciao caro, come stai?”, “Tutto bene gioia, domani ne prendo un altro pezzo, proprio per stare super super sereni.”

Angelo Ruoppolohttps://www.teleacras.it
Giornalista professionista, di Agrigento. Nel febbraio 1999 l’esordio televisivo con Teleacras. Dal 24 aprile 2012 è direttore responsabile del Tg dell’emittente agrigentina. Numerose le finestre radio – televisive nazionali in cui Angelo Ruoppolo è stato ospite. Solo per citarne alcune: Trio Medusa su Radio DeeJay, La vita in diretta su Rai 1, Rai 3 per Blob Best, Rai 1 con Tutti pazzi per la tele, Barbareschi shock su La 7, Rai Radio 2 con Le colonne d’Ercole, con Radio DeeJay per Ciao Belli, su Rai 3 con Mi manda Rai 3, con Rai 2 in Coast to coast, con Rai 2 in Gli sbandati, ancora con Rai 2 in Viaggio nell'Italia del Giro, e con Radio 105 nello Zoo di Radio 105. Più volte è stato presente e citato nelle home page dei siti di Repubblica e di Live Sicilia. Il sosia di Ruoppolo, Angelo Joppolo, alias Alessandro Pappacoda, è stato il protagonista della fortunata e gettonata rubrica “Camera Zhen”, in onda su Teleacras, e del film natalizio “Gratta e scappa”, con una “prima” affollatissima al Cine Astor di Agrigento. I suoi video su youtube contano al marzo 2021 oltre 25 milioni di visualizzazioni complessive. Indirizzo mail: angeloruoppolo@virgilio.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Most Popular

Di Rosa (Codacons) rilancia la questione degrado urbano ad Agrigento

Il vice presidente del Codacons di Agrigento, Giuseppe Di Rosa, si è rivolto con una lettera all’Azienda sanitaria e ai Carabinieri del Nucleo tutela...

Movida, controlli dei Carabinieri a Porto Palo di Menfi

La movida, il rispetto delle norme anticovid e non solo, e i controlli: i Carabinieri della stazione di Menfi, coordinati dalla Compagnia di Sciacca,...

Movida a Canicattì, controlli dei Carabinieri

La movida e il rispetto delle norme anti-covid. A Canicattì i carabinieri hanno controllato decine di autovetture e identificato più di 100...

Agrigento, ecco come sarà spesa la tassa di soggiorno

Il sindaco di Agrigento, Franco Miccichè, replica a quanto pubblicato nei giorni scorsi in riferimento alle polemiche sollevate da alcune associazioni turistiche locali nel...

Recent Comments