Home Attualità Il Questore che catturò Provenzano

Il Questore che catturò Provenzano

Renato Cortese è rientrato a Palermo. Il prefetto Franco Gabrielli, capo della Polizia, lo ha nominato Questore. E Cortese subentra a Guido Nicolò Longo, 63 anni, che è stato nominato prefetto di Vibo Valentia, in Calabria, dal Consiglio dei ministri su proposta del ministro dell’Interno Marco Minniti. Renato Cortese, 52 anni, attualmente è al comando dello Sco, il Servizio centrale della Polizia, è in Polizia dal 1991 e nel suo biglietto da visita è scritto: 11 aprile 2006, la cattura di Bernardo Provenzano, ad opera del gruppo cosiddetto “Duomo”, diretto dallo stesso Cortese, e che è stata immortalata nel documentario “Scacco al Re”. Il casolare del pastore Giovanni Marino, in contrada “Montagna dei cavalli” a Corleone, è scoperto ai primi di aprile del 2006. I poliziotti seguono il percorso dei sacchetti delle provviste da e verso Provenzano. Lui è Giuseppe Lo Bue, è genero di Carmelo Gariffo, che è un nipote di Provenzano. Lo Bue è collega di lavoro di Angelo Provenzano, figlio del boss e di lei, la moglie, Saveria Palazzolo. Ecco la telecamera puntata sulla loro casa a Corleone. Da lì partono i sacchetti. Giuseppe Lo Bue, o suo padre Calogero, consegnano i pacchi a lui, Bernardo Riina, un amico fidato di Provenzano, che nei pizzini è indicato come Binnu. Bernardo Riina viaggia a bordo di una Golf ed è seguito fino al casolare. La mattina dell’11 aprile alle ore 11.23, l’ennesima consegna, e scatta l’irruzione, l’arresto, l’espressione stupefatta del viso di Giovanni Marino…E poi di Provenzano…Poi il corteo delle auto verso Palermo, il cavalcavia di viale Regione siciliana, poi l’arrivo in Questura e la conclusione del documentario, a tempo di valzer…E poi, a descrizione del boss ex superlatitante adesso defunto, l’intervento di Renato Cortese, nuovo Questore di Palermo con decorrenza dal prossimo primo marzo…intervento Cortese al Vg…

Angelo Ruoppolohttps://www.teleacras.it
Giornalista professionista, di Agrigento. Nel febbraio 1999 l’esordio televisivo con Teleacras. Dal 24 aprile 2012 è direttore responsabile del Tg dell’emittente agrigentina. Numerose le finestre radio – televisive nazionali in cui Angelo Ruoppolo è stato ospite. Solo per citarne alcune: Trio Medusa su Radio DeeJay, La vita in diretta su Rai 1, Rai 3 per Blob Best, Rai 1 con Tutti pazzi per la tele, Barbareschi shock su La 7, Rai Radio 2 con Le colonne d’Ercole, con Radio DeeJay per Ciao Belli, su Rai 3 con Mi manda Rai 3, con Rai 2 in Coast to coast, con Rai 2 in Gli sbandati, ancora con Rai 2 in Viaggio nell'Italia del Giro, con Radio 105 nello Zoo di Radio 105 e Rebus su Rai 3. Più volte è stato presente e citato nelle home page dei siti di Repubblica e di Live Sicilia. Il sosia di Ruoppolo, Angelo Joppolo, alias Alessandro Pappacoda, è stato il protagonista della fortunata e gettonata rubrica “Camera Zhen”, in onda su Teleacras, e del film natalizio “Gratta e scappa”, con una “prima” affollatissima al Cine Astor di Agrigento. I suoi video su youtube contano al maggio 2022 oltre 27 milioni di visualizzazioni complessive. Indirizzo mail: angeloruoppolo@virgilio.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Most Popular

Giulio Cinque neo componente del CdA della Fondazione Teatro Pirandello

Il dottor Giulio Cinque, da sempre impegnato in ambito politico, è stato nominato dal presidente della Regione, Renato Schifani, componente del Consiglio di Amministrazione...

Revocata una sospensione di accoglienza per richiedenti asilo

Accogliendo le istanze del difensore, l’avvocato Giuseppina Ganci, il Tar ha sospeso il provvedimento emesso dalla Prefettura di Agrigento di revoca dell’accoglienza in un...

Traffico di esseri umani, cinque arresti a Lampedusa

La Polizia di Agrigento ha arrestato in carcere, come disposto dalla Procura di Palermo e convalidato dal Tribunale, 5 indagati di associazione a delinquere...

Revocata la libertà vigilata all’empedoclino Fabrizio Messina

Il magistrato di sorveglianza di Agrigento, Walter Carlisi, accogliendo le istanze del difensore, l’avvocato Salvatore Pennica, ha revocato la libertà vigilata all’empedoclino Fabrizio Messina,...

Recent Comments