Home Cronaca Parte civile per il “pizzo ai funerali”

Parte civile per il “pizzo ai funerali”

A Camastra, poco più di duemila abitanti in provincia di Agrigento, si sarebbe pagato il pizzo anche sui funerali. E innanzi ai giudici della seconda sezione penale del Tribunale di Agrigento si sono presentati i titolari di un’agenzia di onoranze funebri a Camastra, affinchè siano ammessi parte civile al processo antimafia cosiddetto “Vultur”, che è “avvoltoio”, tradotto dal latino. E così anche la Fai, la Federazione antiracket italiana. Gli imputati sono 5, e lo scorso 16 gennaio, il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Palermo, accogliendo la richiesta dei pubblici ministeri della Direzione distrettuale antimafia, Alessia Sinatra e Maria Teresa Maligno, ha disposto il giudizio immediato, in ragione delle ritenute evidenti prove di colpevolezza, a carico di Rosario Meli, 68 anni, presunto capo della famiglia mafiosa di Camastra, il figlio Vincenzo, 46 anni, poi Calogero Piombo, 65 anni, anche lui di Camastra, e poi Calogero Di Caro, 70 anni, di Canicattì. Invece, Angelo Prato, 38 anni, di Camastra, che, in occasione dell’interrogatorio di garanzia, ha risposto: “Conosco i Meli solo perché il paese è piccolo, ma non ho rapporti con loro”, sarà giudicato in abbreviato il prossimo 14 marzo. Secondo gli investigatori della Squadra Mobile di Agrigento, capitanati da Giovanni Minardi, alla famiglia di Rosario Meli, conosciuto come “U puparu” ed ex consigliere comunale della Democrazia Cristiana, non sarebbe sfuggita alcuna preda, ed ecco perché l’inchiesta è stata battezzata Vultur – avvoltoio. L’esempio a testimonianza di ciò, che ha determinato la costituzione di parte civile, è un’impresa di onoranze funebri a Camastra, che è già stata sotto protezione pagando 500 euro ogni 2 – 3 mesi. Quando il presunto protettore dell’ impresa è stato ucciso, al funerale, il 2 febbraio del 2012, il titolare dell’impresa funebre sarebbe stato abbordato da Rosario Meli: “Ascoltami, da ora in poi i 500 euro che hai pagato al morto adesso li paghi a me.” E le parole di Meli rivolte all’imprenditore testualmente sarebbero state: “Ora mettici un punto…da questo funerale i 500 euro…li porti a me.” Poi, il 26 luglio del 2012, Rosario Meli avrebbe ancora una volta incontrato l’ imprenditore per rimproverarlo, per non avere pagato nulla di quanto richiesto, nuove rate e arretrati. E le parole di Meli in tale occasione sarebbero state: “Guarda che noi non bruciamo macchine, ma facciamo altro.” L’imprenditore avrebbe risposto: “Non ho disponibilità di denaro, e sei libero di fare quello che vuoi”. E la notte tra l’ 1 e il 2 novembre 2012, tra i Santi e i Morti, l’automobile dello stesso imprenditore ha subito un incendio. I due sono adesso in Tribunale, al palazzo di Giustizia, ad Agrigento, in via Mazzini, su due fronti opposti, al cospetto del giudice terzo.

Angelo Ruoppolohttps://www.teleacras.it
Giornalista professionista, di Agrigento. Nel febbraio 1999 l’esordio televisivo con Teleacras. Dal 24 aprile 2012 è direttore responsabile del Tg dell’emittente agrigentina. Numerose le finestre radio – televisive nazionali in cui Angelo Ruoppolo è stato ospite. Solo per citarne alcune: Trio Medusa su Radio DeeJay, La vita in diretta su Rai 1, Rai 3 per Blob Best, Rai 1 con Tutti pazzi per la tele, Barbareschi shock su La 7, Rai Radio 2 con Le colonne d’Ercole, con Radio DeeJay per Ciao Belli, su Rai 3 con Mi manda Rai 3, con Rai 2 in Coast to coast, con Rai 2 in Gli sbandati, ancora con Rai 2 in Viaggio nell'Italia del Giro, e con Radio 105 nello Zoo di Radio 105. Più volte è stato presente e citato nelle home page dei siti di Repubblica e di Live Sicilia. Il sosia di Ruoppolo, Angelo Joppolo, alias Alessandro Pappacoda, è stato il protagonista della fortunata e gettonata rubrica “Camera Zhen”, in onda su Teleacras, e del film natalizio “Gratta e scappa”, con una “prima” affollatissima al Cine Astor di Agrigento. I suoi video su youtube contano al marzo 2021 oltre 25 milioni di visualizzazioni complessive. Indirizzo mail: angeloruoppolo@virgilio.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Most Popular

Covid, in Sicilia altri 645 nuovi positivi

Sono 645 i nuovi positivi da Covid 19 in Sicilia nelle ultime 24 ore. Otto le vittime, 500 i guariti, con un aumento di...

Scavi clandestini, sequestrati oltre 11mila reperti archeologici

I Carabinieri del Nucleo per la Tutela del Patrimonio Culturale di Palermo, in collaborazione con la dipendente Sezione di Siracusa e il Comando Compagnia...

Faraone riorganizza Italia Viva in Sicilia

Il coordinatore regionale di Italia Viva, e capogruppo al Senato, Davide Faraone, ha riorganizzato il partito nel territorio siciliano. Tra l’altro, ad Agrigento Cristina...

Incarico dall’Associazione Nazionale Antiracket e Antiusura a Maria De Fazio

La sede nazionale dell’Associazione Nazionale Antiracket e Antiusura “In Movimento per la Legalità”, che ha la sede legale in Sicilia, ha nominato Maria De...

Recent Comments