Home Cronaca "Mafia", maxi confisca a imprenditore

“Mafia”, maxi confisca a imprenditore

Ad Altofonte, in provincia di Palermo, la Guardia di Finanza del Nucleo di Polizia Tributaria ha confiscato una società edile che opera nel settore degli scavi e delle costruzioni, del valore di circa 4 milioni e 500mila euro, e che è ritenuta riconducibile ad Andrea Di Matteo. Il provvedimento è stato disposto dalla sezione misure di prevenzione del tribunale di Palermo, a conclusione dell’iter successivo al sequestro risalente 2014. Di Matteo è stato arrestato nel 2010 perché sarebbe stato parte della famiglia mafiosa di San Giuseppe Jato – Altofonte, e si sarebbe impegnato come postino per il boss ex latitante Domenico Raccuglia al quale avrebbe fornito denaro e ospitalità. In Appello Andrea Di Matteo è stato assolto dall’accusa di associazione mafiosa, ma la stessa sentenza della Corte ha sottolineato che i colloqui intercettati tra l’imputato e alcuni imprenditori, e le dichiarazioni di alcuni collaboratori di giustizia, dimostrano il ruolo di Di Matteo nella cosca.

Redazionehttp://www.teleacras.com
redazione@teleacras.com

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Most Popular

Comune Agrigento, acquisizione atti e avvisi di garanzia

Martedì scorso, come pubblicato, i Carabinieri hanno acquisito documenti e atti al Municipio di Agrigento. Ebbene adesso i Carabinieri della Compagnia di Partinico, in...

Migranti a Lampedusa e rischi connessi, l’intervento di Savarino

Ancora sbarchi di migranti a Lampedusa e centro d’accoglienza sovraffollato: a fronte di ciò interviene Giusi Savarino. La deputata regionale afferma: “Le notizie su...

Savarino: “Ok a Punta Bianca riserva naturale”

Semaforo verde in Commissione Ambiente e Territorio all’istituzione della riserva naturale a Punta Bianca, a sud est di Agrigento, compresi Monte Grande e Scoglio...

Donna uccisa a coltellate, arrestato il presunto omicida

A Vittoria i Carabinieri hanno arrestato il presunto omicida, che sarebbe reo confesso, di una donna di 37 anni originaria dell’Albania, Brunilda Halla, madre...

Recent Comments