Home Attualità L’estate del vaccino

L’estate del vaccino

Dopo l’approvazione della Commissione Igiene e Sanità del Senato, il decreto sui vaccini arriva a Palazzo Madama dove si allontana la possibilità, prevista inizialmente, che il testo passi con la fiducia. Concluso il passaggio al Senato, il 24 giugno il decreto approderà alla Camera, dove i deputati dovranno convertire il decreto in legge entro il 6 agosto.
La principale modifica dal testo del decreto, dopo il passaggio in Commissione, riguarda la riduzione delle vaccinazioni obbligatorie, passate da 12 a 10: polio, difterite, tetano, epatite B, pertosse, emofilo di tipo B, morbillo, parotite, rosolia e varicella, senza le quali i bambini fino ai sei anni non potranno essere iscritti al nido e alla scuola materna. A queste, poi, se ne aggiungono altre quattro consigliate ma non obbligatorie, e si tratta di quelle contro il meningococco B e C, contro il pneumococco e il rotavirus, che saranno offerte gratuitamente e proposte attivamente alle famiglie da parte delle Aziende sanitarie. Inoltre, le vaccinazioni saranno richieste anche per operatori sanitari, sociosanitari e scolastici. Tra le novità arriva anche l’ok alla riduzione delle sanzioni, per i genitori che non vaccinano i figli, da 7.500 euro a 3.500 euro. Poi, tra gli emendamenti che hanno ottenuto il plauso della Commissione Sanità, l’istituzione dell’Anagrafe Vaccinale Nazionale, che registrerà la situazione vaccinale in Italia. E si sta discutendo in aula anche su un emendamento che prevede la vaccinazione obbligatoria anche per i minori stranieri non accompagnati.
E se da un lato i vaccini vengono considerati una delle più importanti scoperte del millennio perché hanno salvato milioni di vite, dall’altro lato esiste un movimento di genitori e attivisti, i cosiddetti No Vax, che si schierano contro le vaccinazioni preventive.
Dunque, vaccini sì, vaccini no? L’abbiamo chiesto al dottor Gaetano Geraci, Direttore del servizio di Epidemiologia all’Azienda sanitaria provinciale di Agrigento.
L’Intervista al Vg di Teleacras.

Angelo Ruoppolohttps://www.teleacras.it
Giornalista professionista, di Agrigento. Nel febbraio 1999 l’esordio televisivo con Teleacras. Dal 24 aprile 2012 è direttore responsabile del Tg dell’emittente agrigentina. Numerose le finestre radio – televisive nazionali in cui Angelo Ruoppolo è stato ospite. Solo per citarne alcune: Trio Medusa su Radio DeeJay, La vita in diretta su Rai 1, Rai 3 per Blob Best, Rai 1 con Tutti pazzi per la tele, Barbareschi shock su La 7, Rai Radio 2 con Le colonne d’Ercole, con Radio DeeJay per Ciao Belli, su Rai 3 con Mi manda Rai 3, con Rai 2 in Coast to coast, con Rai 2 in Gli sbandati, ancora con Rai 2 in Viaggio nell'Italia del Giro, e con Radio 105 nello Zoo di Radio 105. Più volte è stato presente e citato nelle home page dei siti di Repubblica e di Live Sicilia. Il sosia di Ruoppolo, Angelo Joppolo, alias Alessandro Pappacoda, è stato il protagonista della fortunata e gettonata rubrica “Camera Zhen”, in onda su Teleacras, e del film natalizio “Gratta e scappa”, con una “prima” affollatissima al Cine Astor di Agrigento. I suoi video su youtube contano al marzo 2021 oltre 25 milioni di visualizzazioni complessive. Indirizzo mail: angeloruoppolo@virgilio.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Most Popular

Incidente mortale a Sciacca: muore un uomo di Canicattì

Un’autovettura Mercedes, per cause ancora in corso d’accertamento, è precipitata dal viadotto del torrente Bagni, a poche centinaia di metri dall’abitato di Sciacca. Il...

Covid: in Sicilia 183 nuovi positivi, cinque i decessi

Sono 183 i nuovi positivi al Covid 19 registrati in Sicilia nelle ultime 24 ore, su 13.525 tamponi processati, con una incidenza che torna...

Il Consorzio Universitario di Agrigento ospita Aldo Cazzullo

Nell’ambito delle iniziative culturali promosse dal Consorzio universitario di Agrigento, lunedì prossimo, 21 giugno, alle ore 10:30, nell’auditorium “Rosario Livatino”, il Consorzio, in collaborazione...

Truffa on line a danno della parrocchia di Calamonaci, denunciato

I Carabinieri della stazione di Calamonaci, in provincia di Agrigento, dopo avere ricevuto la querela da parte di un giovane di 20 anni attivo...

Recent Comments