Home Politica Tra la Cattedrale e il Centro storico

Tra la Cattedrale e il Centro storico

Il cosiddetto “contatore del silenzio”, sulla home page del sito dell’Arcidiocesi di Agrigento, segna 6 anni, 4 mesi e 21 giorni, dalla chiusura della Cattedrale di Agrigento al pubblico, dal 25 febbraio del 2011, quando s’accerto che la navata nord aveva troppe crepe ed era a rischio crollo. In tutti questi anni tante sono state le promesse, i tavoli tecnici e i ‘patti’ per salvare il colle e con esso la cattedrale, ma di fatti concreti se ne sono ben visti pochi.

Dopo varie sollecitazioni, prima al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, poi al presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta, arrivano buone notizie che lasciano sperare che qualcosa stia iniziando a muoversi. Infatti, il direttore dell’Ufficio per i beni culturali dell’arcidiocesi di Agrigento, Don Giuseppe Pontillo, ha reso noto che sulla Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana del 14 luglio è stato pubblicato l’estratto dell’avviso pubblico di indizione gara con procedura ristretta relativo all’appalto dei lavori per le “Opere di manutenzione straordinaria della Cattedrale di Agrigento, consolidamento e miglioramento statico”.

Il progetto – tiene a precisare don Giuseppe Pontillo – è stato commissionato dall’Arcidiocesi di Agrigento ed finanziato al 50% dalla stessa e dai fondi dell’8 per mille. La restante percentuale è stata finanziata dalla partecipazione al Bando 793 del 2015 dell’Assessorato Regionale Infrastrutture. L’auspicio è che adesso – conclude don Pontillo – il Governo Regionale liberi le risorse necessarie che consentano alla Protezione la Regione di indire il concorso internazionale di idee per il necessario progetto di consolidamento del costone su cui è edificata la Cattedrale”.

E anche il Sindaco, Calogero Firetto, nell’ultimo incontro avvenuto in Prefettura, sollecita gli organi preposti ad accelerare la farraginosa procedura.

L’intervista al Vg di Teleacras.

Angelo Ruoppolohttps://www.teleacras.it
Giornalista professionista, di Agrigento. Nel febbraio 1999 l’esordio televisivo con Teleacras. Dal 24 aprile 2012 è direttore responsabile del Tg dell’emittente agrigentina. Numerose le finestre radio – televisive nazionali in cui Angelo Ruoppolo è stato ospite. Solo per citarne alcune: Trio Medusa su Radio DeeJay, La vita in diretta su Rai 1, Rai 3 per Blob Best, Rai 1 con Tutti pazzi per la tele, Barbareschi shock su La 7, Rai Radio 2 con Le colonne d’Ercole, con Radio DeeJay per Ciao Belli, su Rai 3 con Mi manda Rai 3, con Rai 2 in Coast to coast, con Rai 2 in Gli sbandati, ancora con Rai 2 in Viaggio nell'Italia del Giro, e con Radio 105 nello Zoo di Radio 105. Più volte è stato presente e citato nelle home page dei siti di Repubblica e di Live Sicilia. Il sosia di Ruoppolo, Angelo Joppolo, alias Alessandro Pappacoda, è stato il protagonista della fortunata e gettonata rubrica “Camera Zhen”, in onda su Teleacras, e del film natalizio “Gratta e scappa”, con una “prima” affollatissima al Cine Astor di Agrigento. I suoi video su youtube contano al marzo 2021 oltre 25 milioni di visualizzazioni complessive. Indirizzo mail: angeloruoppolo@virgilio.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Most Popular

Le imprese a Favara: “Raccogliamo i rifiuti ma non abbiamo dove conferirli”

I dirigenti del raggruppamento di imprese titolari dell’appalto della nettezza urbana intervengono nel merito dell’emergenza rifiuti a Favara, e affermano: “L’assessorato regionale ai rifiuti...

Controlli della Polizia provinciale nell’area interscambio rifiuti in via degli Imperatori

Dunque, come pubblicato, il vice presidente provinciale del Codacons di Agrigento, Giuseppe Di Rosa, lo scorso 21 luglio ha diffidato il Comune a provvedere...

Giuseppe Provenzano candidato a presidente della Regione?

Il vice segretario nazionale del Partito Democratico, Giuseppe Provenzano, già ministro per il Sud, in occasione della Festa dell’Unità a Fiesole, ha risposto ad...

La madre della bambina morta a Palermo: “Vaccinatevi tutti”

La madre di Ariele, la bambina di 11 anni vittima della variante Delta del covid a Palermo, è intervenuta nel merito di quanto accaduto....

Recent Comments