Home Cultura “Accostamenti”: Mostra Fotografica dall’11 Settembre al 10 Ottobre a Realmonte

“Accostamenti”: Mostra Fotografica dall’11 Settembre al 10 Ottobre a Realmonte

Il colore distrae sempre chi guarda una foto, perché si concentra più su di esso che sul contenuto. Dunque togliere il colore non costituisce necessariamente una perdita di informazioni. Può, infatti, rafforzare molto di più il senso e la comunicatività dell’immagine. Una foto a colori rischia di essere troppo realistica, lascia poco spazio all’immaginazione. Nel contesto del panorama italiano gli autori e la location Galleria a Sud Artecontemporanea sono riusciti, nel tempo, a diventare un punto di riferimento riconosciuto nell’ambiente artistico anche nell’epoca dell’affermazione della tecnologia digitale. Il bianco e nero, con cui si presentano, risulta più evocativo ed intimo. Le ombre, grigie o nere anch’esse, assumono la stessa importanza degli oggetti.
La profondità spaziale appare più leggibile, le silhouette si stagliano in modo netto e assumono una forte espressività. Lo scopo della esposizione (visibile su appuntamento dal 11 settembre al 10 ottobre), è sempre quello: osservare, leggere, capire l’immagine in tutti i suoi elementi grafici, captare lo stato d’animo, sempre diversi, partendo dalla rappresentazione. Soprattutto quando si maltrattano le emulsioni con gli “sguardi” di Siracusa (nelle forme e nei colori) o si esplorano le cosiddette tecniche antiche come fa Bisulca. Interrogarsi sulla perdita di nettezza sui bordi, della resa dello sfuocato di Carlisi o sul significato degli elementi e della rappresentazione di Donato e della iconografia fotografica specifica delle sue immagini.
Le combinazioni in una immagine, dallo scatto fino al suo sviluppo, sono praticamente infinite e danno risultati estremamente diversi fra loro. Bisogna ricordarsi che la fotografia isola un momento e un luogo, per la semplice scelta dell’inquadratura e del tempo di esposizione il fotografo ritaglia dalla realtà qualcosa che non le appartiene più.
L’intenzione dell’uso del “non colore” è anch’essa voluta: la fotografia sarà solo una codifica di questa realtà vista attraverso gli occhi dei quattro fotografi. La fotografia diverrà una vocazione, il loro costante impegno non solo servirà a portare all’attenzione tutte le realtà, invisibili agli occhi più distratti, ma le permetterà anche di accostare tecniche e sensazioni differenti. Quattro uomini, quattro visioni, quattro classici elementi greci: terra (La Donna, il suo corpo nudo, sfocato, morbido e atmosfera sognante di Franco Carlisi), fuoco (il foro stenopeico e calotipo di Fabio Bisulca), aria (la fotografia invisibile di Tano Siracusa ) e acqua (la laguna dai traghetti a Venezia. Grande accuratezza compositiva, le geometrie bressoniane di Mario Donato.

Redazionehttp://www.teleacras.com
redazione@teleacras.com
- Advertisment -

Most Popular

Favarese stroncato da un malore vicino al mare di San Leone

Tragedia poco fa ad Agrigento. Un uomo di 66 anni originario di Favara – C.D.G le sue iniziali – è deceduto in seguito a...

Covid 19, 108 nuovi positivi nelle ultime 24 ore

Sono 108 i nuovi casi di Covid19 in Sicilia nelle ultime 24 ore. Attualmente ci sono 2390 positivi di cui 224 ricoverati in...

Assistenza igienica agli alunni disabili, genitori e lavoratori in piazza

Da mercoledì proclamati 3 giorni di protesta per genitori e lavoratori che da decenni, nelle nostre scuole, si occupano dell’assistenza igienico personale per gli...

Catalfamo, Lega all’Ars: “Il referendum taglia proprio i 5 stelle”

"Il Movimento 5 Stelle canta vittoria per il Sì al referendum, ignorando o facendo finta di ignorare che questo risultato non fa altro che...

Recent Comments