Home Cronaca Covid, l’appello dei sindaci agrigentini

Covid, l’appello dei sindaci agrigentini

L’appello dei sindaci agrigentini: “Servono provvedimenti straordinari per contenere la diffusione del contagio da covid 19”

I sindaci della provincia di Agrigento hanno firmato un accorato appello alle massime autorità istituzionali e sanitarie regionali e nazionali ed hanno chiesto provvedimenti straordinari per contrastare la diffusione del coronavirus. I sindaci sono allarmati del rapido aumento dei contagi (più 260 nell’ultimo bollettino del ministero della Salute) e scrivono che “il territorio presenta un quadro diffuso di carenze strutturali, soprattutto in alcune aree interne, tali da non reggere un ulteriore avanzamento dell’epidemia”. Nella lettera-appello, trasmessa alla Regione siciliana e al governo nazionale, i sindaci hanno stilato un elenco di 10 interventi necessari per limitare la corsa inarrestabile della pandemia. Chiedono di assicurare, con i tamponi rapidi in via prioritaria, la tempestiva individuazione dei casi Covid-19; garantire ai medici di base la possibilità di effettuare tamponi rapidi per una precoce diagnosi; potenziare i laboratori di analisi dei distretti sanitari per effettuare un maggior numero di tamponi; aumentare il personale per la tracciabilità dei contatti dei soggetti affetti da virus; e poi tamponi rapidi nelle scuole dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado; autorizzare i medici di famiglia e il personale parasanitario, in collaborazione con i Comuni, ad effettuare tamponi rapidi ai cittadini; sottoscrivere apposite convenzioni con laboratori privati per effettuare più tamponi; fornire ai medici di base ulteriori vaccini anti-influenzali per le vaccinazioni dei bambini, da 0 a 6 anni e alla popolazione adulta, dai 60 anni in su; e, infine, istituire, continuativamente, anche nei fine settimana, in tutti i distretti sanitari, anche in quelli periferici, le Usca, ovvero le Unità speciali di continuità assistenziale, per prevenire ritardi e disservizi. Le richieste scaturiscono dal grave quadro epidemiologico della diffusione del Covid- 19 che vede coinvolti tutti i Comuni della provincia agrigentina e dalla consapevolezza che “appare indispensabile – scrivono i sindaci – attuare un punto cardine del sistema sanitario, che vede nella prevenzione lo strumento più idoneo a tutelare il diritto alla salute, costituzionalmente garantito”.

Most Popular

Diego Lo Bue premia la chef agrigentina, Luisa Crapanzano, per conto dell’Associazione culturale cuochi svizzeri

E il pizzaiolo, Diego Lo Bue, ha voluto premiare Luisa Crapanzano del Maddalusa Beach di Agrigento in nome dell'Associazione culturale cuochi svizzeri. Nella targa...

Paziente positivo al covid si suicida in ospedale

Tragedia a Palermo: un paziente, positivo al covid e ricoverato in terapia sub-intensiva respiratoria, si è suicidato buttandosi dal terzo piano dell’ospedale "Villa Sofia...

Contagi, varianti e open days

Sicilia prima per nuovi contagi in Italia. I ricoveri sono all’11% e si rischia la zona gialla. Riscontrate due nuove varianti. Prorogati gli open...

“Il fuoco al posto delle pallottole”

La Commissione regionale antimafia, presieduta da Claudio Fava, avanza il sospetto che dietro agli incendi si nascondano gli interessi sul fotovoltaico. Legambiente: “E’ una...

Recent Comments