Home Cronaca 30 anni per la strage di Pizzolungo (video)

30 anni per la strage di Pizzolungo (video)

Il tribunale di Caltanissetta condanna a 30 anni il boss Vincenzo Galatolo per la strage di Pizzolungo. E’ stato accusato dalla figlia Giovanna.

La giudice per le udienze preliminari del Tribunale di Caltanissetta, Valentina Balbo, a conclusione del giudizio abbreviato, e accogliendo quanto richiesto dalla Procura, ha condannato a 30 anni di carcere il boss palermitano dell’Acquasanta Vincenzo Galatolo, attualmente detenuto al 41 bis. E perché? Perché sarebbe responsabile, come mandante, della cosiddetta “strage di Pizzolungo”, a Trapani, il 2 aprile del 1985, quando un attentato esplosivo architettato contro il magistrato trapanese, Carlo Palermo, uccise invece Barbara Rizzo, di 33 anni, e i suoi figli gemelli di 6 anni, Salvatore e Giuseppe Asta. La mattina, poco dopo le 8:35, lungo la strada provinciale che attraversa Pizzolungo, la mafia piazzò sul ciglio della strada un’autobomba per uccidere il sostituto procuratore Carlo Palermo, diretto al palazzo di Giustizia di Trapani a bordo di una Fiat 132 blindata, seguito da una Fiat Ritmo di scorta. In prossimità dell’autobomba l’automobile di Carlo Palermo fu superata da una Volkswagen Scirocco guidata da Barbara Rizzo con a bordo i due gemellini diretti a scuola. L’auto della donna rimase tra l’autobomba e la Fiat 132. E saltò in aria. Per la “strage di Pizzolungo” sono stati già celebrati tre processi. Il primo contro gli esecutori, tutti appartenenti al clan mafioso di Alcamo, poi assolti con sentenza definitiva dalla Cassazione, dopo una prima condanna in primo grado. E Giovanni Brusca ha raccontato che tale sentenza “fu aggiustata”. Negli altri due processi sono stati condannati con sentenza definitiva i capi mafia Totò Riina e il trapanese Vincenzo Virga, e in un altro ancora i boss palermitani Nino Madonia e Balduccio di Maggio. Adesso l’imputato del quarto processo è Vincenzo Galatolo, accusato di essere stato il mandante dalla figlia, Giovanna, che collabora con la giustizia dal 2013. Ecco il racconto di Giovanna Galatolo: “Non appena il telegiornale diede la notizia mia madre iniziò a urlare: ‘i bambini non si toccano’. Mio padre le saltò addosso, cominciò a picchiarla, voleva dare fuoco alla casa. E mi resi conto, anche mia madre capì. Non si dava pace. Avevo 20 anni e a casa sentivo mio padre che diceva: ‘quel giudice è un cornuto”.

Angelo Ruoppolohttps://www.teleacras.it
Giornalista professionista, di Agrigento. Nel febbraio 1999 l’esordio televisivo con Teleacras. Dal 24 aprile 2012 è direttore responsabile del Tg dell’emittente agrigentina. Numerose le finestre radio – televisive nazionali in cui Angelo Ruoppolo è stato ospite. Solo per citarne alcune: Trio Medusa su Radio DeeJay, La vita in diretta su Rai 1, Rai 3 per Blob Best, Rai 1 con Tutti pazzi per la tele, Barbareschi shock su La 7, Rai Radio 2 con Le colonne d’Ercole, con Radio DeeJay per Ciao Belli, su Rai 3 con Mi manda Rai 3, con Rai 2 in Coast to coast, con Rai 2 in Gli sbandati, ancora con Rai 2 in Viaggio nell'Italia del Giro, e con Radio 105 nello Zoo di Radio 105. Più volte è stato presente e citato nelle home page dei siti di Repubblica e di Live Sicilia. Il sosia di Ruoppolo, Angelo Joppolo, alias Alessandro Pappacoda, è stato il protagonista della fortunata e gettonata rubrica “Camera Zhen”, in onda su Teleacras, e del film natalizio “Gratta e scappa”, con una “prima” affollatissima al Cine Astor di Agrigento. I suoi video su youtube contano al marzo 2021 oltre 25 milioni di visualizzazioni complessive. Indirizzo mail: angeloruoppolo@virgilio.it

Most Popular

Giovani Italia Viva invocano dimissioni Faraone. Vertici agrigentini si dissociano

I Giovani di Italia Viva della provincia di Agrigento, tramite il coordinatore, Giorgio Bongiorno, invocano le dimissioni del segretario regionale di Italia Viva, Davide...

La Fipe su Parco Templi e dintorni. Intervista al Vg

Alcune rimostranze tra il Parco della Valle dei Templi e dintorni: "gestione fallimentare e critiche anche verso gli spettacoli nella Valle". in proposito un'intervista...

Lampedusa, arrestati 18 tunisini e 2 egiziani

A Lampedusa i poliziotti della Squadra Mobile di Agrigento, coordinati da Giovanni Minardi, hanno arrestato 20 cittadini stranieri, tra 18 tunisini e 2 egiziani,...

300 tonnellate di rifiuti in strada a Palermo

Nuova emergenza rifiuti a Palermo. L’ammontare della spazzatura non raccolta è di circa 300 tonnellate, e in alcuni quartieri, tra Borgo Nuovo, Villaggio Santa...

Recent Comments