Home Cronaca Rifiuti nucleari, coro di no

Rifiuti nucleari, coro di no

Unanime coro di no da parte della politica, i sindacati, e i sindaci interessati al deposito anche in Sicilia di rifiuti radioattivi. Gli interventi degli assessori Cordaro e Pierobon.

Vi è anche la Sicilia fra le sette regioni italiane in cui sono state individuate le aree potenzialmente idonee alla costruzione del deposito nucleare nazionale per conservare definitivamente i rifiuti radioattivi di bassa e media attività. Le altre regioni, oltre alla Sicilia, sono Piemonte, Toscana, Lazio, Puglia, Basilicata e Sardegna. In tale ambito la Sogin è la società statale responsabile dello smantellamento degli impianti nucleari italiani e della gestione e sicurezza dei rifiuti radioattivi. Nella Tavola generale allegata alla Cnapi (ossia la Carta nazionale delle Aree Potenzialmente Idonee alla localizzazione del Deposito Nazionale dei Rifiuti Radioattivi) sono indicati anche i Comuni interessati nelle sette regioni. In particolare per la Sicilia sono stati individuati: Trapani, Butera, Calatafimi-Segesta, e l’area fra Castellana Sicula e Petralia Sottana. Ebbene, contro tali scelte, alla Regione Siciliana sono già state sollevate le barricate. Il primo a lanciare la prima palla di cannone è, ovviamente, l’assessore regionale a Territorio e Ambiente, Toto Cordaro, che spara così: “La Sicilia rispetto a un tema così delicato e complesso, come quello dello smaltimento dei rifiuti nucleari e, quindi, della tutela ambientale, non può accettare l’idea di scelte calate dall’alto. Riteniamo fondamentale, sul tema ambientale ancora più che su altri, un pieno confronto tra governo nazionale, governo regionale e le comunità locali interessate. Vale la pena ricordare che in questi primi tre anni, dopo gli ingiustificabili ritardi dei governi precedenti, abbiamo finalmente varato, tra gli altri, il Piano sull’amianto, il Piano alluvioni, quello sull’attività di bacino e il Piano contro l’inquinamento dell’aria e acustico. Il governo Musumeci, quindi, ha posto da sempre il tema della tutela ambientale ai primi posti della sua azione e rassicuro tutti che continueremo ancora a farlo con decisione. Il confronto è essenziale, senza fare terrorismo ma neppure senza minimizzare” – conclude Cordaro. Esplode la seconda cannonata l’assessore regionale ai rifiuti, Alberto Pierobon, che ribatte così: “Ritengo che la Sicilia abbia già dato tanto dal punto di vista ambientale e che individuare strutture del genere nell’Isola non sia opportuno per tante motivazioni che faremo valere. Entrando nel merito della questione, la procedura che si apre adesso è tecnica e si basa su criteri che sono stati decisi diversi anni fa, quando sono state classificate delle aree in base a delle caratteristiche ritenute necessarie per ospitare i rifiuti degli impianti smantellati. Tra tutte le zone individuate, quelle siciliane sono ritenute meno idonee, cioè meno adatte, ma questo non basta. Posso assicurare che il governo Musumeci affronterà con attenzione e responsabilità la questione, che coinvolge vari rami dell’amministrazione essendo più argomento di carattere ambientale che prettamente legato ai rifiuti. Siamo già attivi e in contatto con gli enti nazionali preposti, e ribadisco che faremo valere le ragioni dell’Isola nelle opportune sedi di confronto, sempre nell’esclusivo interesse dei siciliani”.

Angelo Ruoppolohttps://www.teleacras.it
Giornalista professionista, di Agrigento. Nel febbraio 1999 l’esordio televisivo con Teleacras. Dal 24 aprile 2012 è direttore responsabile del Tg dell’emittente agrigentina. Numerose le finestre radio – televisive nazionali in cui Angelo Ruoppolo è stato ospite. Solo per citarne alcune: Trio Medusa su Radio DeeJay, La vita in diretta su Rai 1, Rai 3 per Blob Best, Rai 1 con Tutti pazzi per la tele, Barbareschi shock su La 7, Rai Radio 2 con Le colonne d’Ercole, con Radio DeeJay per Ciao Belli, su Rai 3 con Mi manda Rai 3, con Rai 2 in Coast to coast, con Rai 2 in Gli sbandati, ancora con Rai 2 in Viaggio nell'Italia del Giro, e con Radio 105 nello Zoo di Radio 105. Più volte è stato presente e citato nelle home page dei siti di Repubblica e di Live Sicilia. Il sosia di Ruoppolo, Angelo Joppolo, alias Alessandro Pappacoda, è stato il protagonista della fortunata e gettonata rubrica “Camera Zhen”, in onda su Teleacras, e del film natalizio “Gratta e scappa”, con una “prima” affollatissima al Cine Astor di Agrigento. I suoi video su youtube contano al marzo 2021 oltre 25 milioni di visualizzazioni complessive. Indirizzo mail: angeloruoppolo@virgilio.it

Most Popular

“Azzurro Donna”, prima convention nazionale

Reggio Calabria è stata cornice della prima convention nazionale di Azzurro Donna, il braccio "rosa" di Forza Italia. Alla manifestazione politica ha partecipato anche...

Due gazze ladre al Villaggio Mosè

Ad Agrigento i Carabinieri della locale Compagnia hanno denunciato a piede libero alla Procura due donne, di 59 e 32 anni, di Porto Empedocle....

Suicidio a Montallegro

Suicidio a Montallegro, in provincia di Agrigento, dove un uomo di 62 anni è stato rinvenuto impiccato, in un terreno nei pressi di una...

L’omicidio Lupo e l’arresto di Barba al Riesame

L’avvocato Salvatore Pennica, difensore di Giuseppe Barba, arrestato perché ritenuto responsabile dell’omicidio dell’ex genero Salvatore Lupo, ha presentato ricorso al Tribunale del Riesame contro...

Recent Comments