Home Cronaca Rifiuti radioattivi, “nessun timore”

Rifiuti radioattivi, “nessun timore”

Il deputato nazionale del Movimento 5 Stelle, Michele Sodano, smorza l’apprensione per il deposito di rifiuti radioattivi in Sicilia. L’intervento.

Il deputato nazionale del Movimento 5 Stelle, Michele Sodano, titola il proprio intervento così: “La Sicilia non sarà mai la casa delle scorie nucleari. Non è nei piani del governo. Non vi è un solo siciliano che intende compromettere una terra di agricoltura e turismo”. E poi spiega: “L’altro ieri è stato tolto il segreto di Stato sulla carta dei luoghi in cui potrebbero essere costruiti i siti dello stoccaggio nazionale dei rifiuti radioattivi. Si tratta di un documento risalente al 2015 che identifica le 67 aree più idonee a ospitare le scorie nucleari, per fortuna, per noi che amiamo la trasparenza, adesso pubblico. Cosa non è stato detto da alcuni quotidiani regionali e politici che hanno voluto utilizzare l’argomento per fare propaganda? In primis che i 4 luoghi identificati in Sicilia, su un totale di 67 in tutta Italia, sono in fondo alla classifica dei possibili siti di stoccaggio perché ben lontani dalle caratteristiche richieste. Approfondendo il tema si scopre che i luoghi identificati in Sicilia non sono per nulla appetibili, a causa dell’elevata attività sismica e dell’altitudine, come afferma Legambiente stessa. Per farla breve, non c’è possibilità alcuna che la Sicilia diventi la casa dei rifiuti nucleari italiani. Giustissimo mantenere l’attenzione sui temi ambientali perché dobbiamo fare della natura incontaminata uno dei nostri principali asset. Anche la crisi pandemica del Coronavirus ha fatto emergere l’importanza di vivere in territori non inquinati e di come ciò faccia la differenza. Rilancio dando un’informazione, precisa e puntuale: da Roma, con il Ministro Costa, abbiamo appena stanziato 13 milioni di euro per la Sicilia destinati alla bonifica delle aree più inquinate dell’isola. La Regione identifichi subito i siti da bonificare, per permettere a noi Siciliani di vivere e prosperare in sicurezza”.

Angelo Ruoppolohttps://www.teleacras.it
Giornalista professionista, di Agrigento. Nel febbraio 1999 l’esordio televisivo con Teleacras. Dal 24 aprile 2012 è direttore responsabile del Tg dell’emittente agrigentina. Numerose le finestre radio – televisive nazionali in cui Angelo Ruoppolo è stato ospite. Solo per citarne alcune: Trio Medusa su Radio DeeJay, La vita in diretta su Rai 1, Rai 3 per Blob Best, Rai 1 con Tutti pazzi per la tele, Barbareschi shock su La 7, Rai Radio 2 con Le colonne d’Ercole, con Radio DeeJay per Ciao Belli, su Rai 3 con Mi manda Rai 3, con Rai 2 in Coast to coast, con Rai 2 in Gli sbandati, ancora con Rai 2 in Viaggio nell'Italia del Giro, e con Radio 105 nello Zoo di Radio 105. Più volte è stato presente e citato nelle home page dei siti di Repubblica e di Live Sicilia. Il sosia di Ruoppolo, Angelo Joppolo, alias Alessandro Pappacoda, è stato il protagonista della fortunata e gettonata rubrica “Camera Zhen”, in onda su Teleacras, e del film natalizio “Gratta e scappa”, con una “prima” affollatissima al Cine Astor di Agrigento. I suoi video su youtube contano al marzo 2021 oltre 25 milioni di visualizzazioni complessive. Indirizzo mail: angeloruoppolo@virgilio.it

Most Popular

Incidente mortale a Sciacca: muore un uomo di Canicattì

Un’autovettura Mercedes, per cause ancora in corso d’accertamento, è precipitata dal viadotto del torrente Bagni, a poche centinaia di metri dall’abitato di Sciacca. Il...

Covid: in Sicilia 183 nuovi positivi, cinque i decessi

Sono 183 i nuovi positivi al Covid 19 registrati in Sicilia nelle ultime 24 ore, su 13.525 tamponi processati, con una incidenza che torna...

Il Consorzio Universitario di Agrigento ospita Aldo Cazzullo

Nell’ambito delle iniziative culturali promosse dal Consorzio universitario di Agrigento, lunedì prossimo, 21 giugno, alle ore 10:30, nell’auditorium “Rosario Livatino”, il Consorzio, in collaborazione...

Truffa on line a danno della parrocchia di Calamonaci, denunciato

I Carabinieri della stazione di Calamonaci, in provincia di Agrigento, dopo avere ricevuto la querela da parte di un giovane di 20 anni attivo...

Recent Comments