Home Cronaca Graviano si dissocia da Cosa Nostra

Graviano si dissocia da Cosa Nostra

Filippo Graviano, a verbale, dichiara di dissociarsi da Cosa Nostra e invoca un permesso premio per uscire dal carcere. Dettagli e reazioni.

Il boss di Brancaccio a Palermo, Filippo Graviano, condannato e detenuto all’ergastolo, al 41 bis, per l’omicidio del beato Pino Puglisi, per le stragi del 1992 e del 1993, si è dissociato da Cosa Nostra. E adesso invoca dal Giudice di Sorveglianza un permesso premio per uscire dal carcere. Filippo Graviano è stato recentemente interrogato dai magistrati della Procura di Firenze che indagano sui presunti mandanti esterni delle stragi del 1993. E, rispondendo alle domande, è stato anche scritto a verbale che lui, Graviano, intende dissociarsi, senza però accusare nessuno dei suoi complici. Non è la prima iniziativa del genere. Alcuni anni addietro è stato un altro boss palermitano, Pietro Aglieri, “U signurinu”, sostenuto tra gli altri da Nitto Santapaola, Pippo Calò e Piddu Madonia, ad invitare se stesso e i capimafia detenuti a dissociarsi, ad arrendersi, ma senza collaborare con la Giustizia. Finora le uniche ammissioni di Graviano hanno riguardato la sua partecipazione alla cosca di Brancaccio. Alla domanda, invece, se vi sarebbero stati rapporti tra Berlusconi, Dell’Utri e la famiglia Graviano, lui non ha risposto. Durante la detenzione, Filippo Graviano, tra l’altro, ha affermato: “E’ bene fare sapere a mio fratello Giuseppe che, se non arriva niente da dove deve arrivare, qualche cosa è bene che anche noi cominciamo a parlare coi magistrati”. A favore di Giuseppe Graviano, e della sua richiesta di un permesso premio per uscire dal carcere, vi è il pronunciamento della Corte Costituzionale che nell’ottobre del 2019 dichiarò illegittimo l’articolo 4 bis, comma 1, dell’Ordinamento penitenziario secondo cui per l’ergastolano, sia o meno mafioso, la collaborazione con la giustizia è una “conditio sine qua non”, ovvero la condizione necessaria, per ottenere eventuali benefici carcerari. E della Corte Costituzionale dell’epoca è stata componente e presidente l’attuale ministro della Giustizia nel governo Draghi, Marta Cartabia. Ovviamente si tratta di una questione destinata ad alimentare polemiche ed interventi incrociati tra i sì e i no. Il magistrato tra gli istruttori del processo “Trattativa”, e adesso consigliere togato del Csm, Nino Di Matteo, è intervenuto nel merito e ha dichiarato: “La semplice dichiarazione formale di volersi dissociare da Cosa nostra non è mai stata indice di reale ravvedimento. Anzi, storicamente, a partire dal periodo immediatamente successivo alle stragi del ’92, alcuni capi di Cosa Nostra hanno periodicamente tentato di sfruttare finte dissociazioni per ottenere benefici per loro e per l’intera organizzazione mafiosa. La concessione per legge di quei benefici fu uno dei punti più sensibili e importanti della trattativa Stato-mafia. Spero che il passato ricordi a tutti che da Cosa Nostra si esce solo collaborando seriamente con la giustizia, raccontando ai magistrati tutto quello di cui si è a conoscenza”.

Angelo Ruoppolohttps://www.teleacras.it
Giornalista professionista, di Agrigento. Nel febbraio 1999 l’esordio televisivo con Teleacras. Dal 24 aprile 2012 è direttore responsabile del Tg dell’emittente agrigentina. Numerose le finestre radio – televisive nazionali in cui Angelo Ruoppolo è stato ospite. Solo per citarne alcune: Trio Medusa su Radio DeeJay, La vita in diretta su Rai 1, Rai 3 per Blob Best, Rai 1 con Tutti pazzi per la tele, Barbareschi shock su La 7, Rai Radio 2 con Le colonne d’Ercole, con Radio DeeJay per Ciao Belli, su Rai 3 con Mi manda Rai 3, con Rai 2 in Coast to coast, con Rai 2 in Gli sbandati, ancora con Rai 2 in Viaggio nell'Italia del Giro, e con Radio 105 nello Zoo di Radio 105. Più volte è stato presente e citato nelle home page dei siti di Repubblica e di Live Sicilia. Il sosia di Ruoppolo, Angelo Joppolo, alias Alessandro Pappacoda, è stato il protagonista della fortunata e gettonata rubrica “Camera Zhen”, in onda su Teleacras, e del film natalizio “Gratta e scappa”, con una “prima” affollatissima al Cine Astor di Agrigento. I suoi video su youtube contano al marzo 2021 oltre 25 milioni di visualizzazioni complessive. Indirizzo mail: angeloruoppolo@virgilio.it

Most Popular

Teleacras ancora vittima di sabotaggi

L'emittente televisiva agrigentina Teleacras è bersaglio di ormai collaudati atti di sabotaggio ripetuti da tempo. Accade spesso, infatti, che, esattamente in occasione dell'inizio del...

Ad Agrigento in scadenza termine per abbattimento Tari, Imu e canone patrimoniale

Ad Agrigento scade giovedì prossimo, 30 settembre, il termine entro cui presentare le domande per ottenere l'abbattimento totale o parziale di Tari, Imu e...

A Canicattì i “Liberi e Forti” per Ettore Di Ventura

Il Coordinamento della lista “Liberi e Forti, Insieme per Servire Canicattì”, in corsa alle elezioni Amministrative del 10 e 11 ottobre, interviene tramite Totò...

Umile (Udc) sulla riforma della Giustizia

Il Coordinatore provinciale del Dipartimento Giustizia di Agrigento dell’Udc, Giovanni Umile, interviene nel merito della riforma della Giustizia ritenendo prioritario risolvere il problema dei...

Recent Comments