Home Cronaca Teresi e l'ergastolo ostativo

Teresi e l’ergastolo ostativo

“Si rischia una nuova stagione di sangue”: l’allarme di Vittorio Teresi contro una possibile modifica dell’ergastolo ostativo per i reati di mafia.

E’ attesa la sentenza della Corte Costituzionale nel merito della questione di legittimità costituzionale sull’ergastolo ostativo, ossia del no alla liberazione condizionale e ad altri benefici carcerari per i detenuti condannati per reati di mafia che abbiano scontato 26 anni di carcere e che non hanno collaborato con la giustizia. Quando invece la libertà condizionata e altre premialità sono concesse a tutti gli altri detenuti con 26 anni di carcere sulle spalle. Si tratta di quanto prevede l’articolo 4 bis comma 1 dell’ordinamento penitenziario su cui è imminente il pronunciamento della Consulta. Tanti magistrati e addetti ai lavori antimafia hanno già sollevato le barricate contro un eventuale accoglimento della tesi della non costituzionalità dell’articolo sull’ergastolo ostativo, perché, tra l’altro, ciò è stato una delle richieste contenute nel ‘papello’ di Totò Riina. L’ennesimo allarme lo lancia Vittorio Teresi, già pubblico ministero al processo sulla presunta trattativa Stato – mafia all’epoca delle stragi. Teresi afferma: “Chi contribuisce oggi ad allentare il regime del carcere ostativo nei confronti dei capi della mafia irriducibili si assume un’enorme responsabilità politica e sociale. Coloro che potrebbero tornare a casa dalle patrie galere non sono mai stati e non hanno mai avuto una revisione critica del loro passato. Uscendo dal carcere anche solo in permesso potranno, anzi dovranno, secondo gli obblighi dell’organizzazione di cui fanno parte, riprendere le fila e il comando dell’organizzazione.
Certamente se ciò accadesse si correrebbe il rischio che si torni alle stagioni di sangue. Quindi chi si assume oggi questa responsabilità non avrà più il diritto a partecipare a cerimonie di ricordo di vittime delle mafie e neanche di sedere accanto ai loro familiari. Non si può consentire a questa gente di avere, senza un minimo di revisione critica e di collaborazione, questi benefici. La mafia nel ‘92 ha dovuto ricorrere alle stragi per ottenere il beneficio di allentamento del carcere duro che è stato introdotto con il regime di cui l’articolo del 41 bis dell’ordinamento penitenziario. Ed oggi potrebbero ottenere quello che volevano senza neanche sparare un colpo di pistola e senza mettere un grammo di tritolo. Questo sarebbe un passo indietro gravissimo di cui nessuno si dovrebbe fare fautore. Mi auguro che questo disegno non vada in porto. E che la Corte Costituzionale rimanga nel rigore del carcere ostativo nei confronti di coloro che non hanno prestato nessuna collaborazione con lo Stato”.

Angelo Ruoppolohttps://www.teleacras.it
Giornalista professionista, di Agrigento. Nel febbraio 1999 l’esordio televisivo con Teleacras. Dal 24 aprile 2012 è direttore responsabile del Tg dell’emittente agrigentina. Numerose le finestre radio – televisive nazionali in cui Angelo Ruoppolo è stato ospite. Solo per citarne alcune: Trio Medusa su Radio DeeJay, La vita in diretta su Rai 1, Rai 3 per Blob Best, Rai 1 con Tutti pazzi per la tele, Barbareschi shock su La 7, Rai Radio 2 con Le colonne d’Ercole, con Radio DeeJay per Ciao Belli, su Rai 3 con Mi manda Rai 3, con Rai 2 in Coast to coast, con Rai 2 in Gli sbandati, ancora con Rai 2 in Viaggio nell'Italia del Giro, e con Radio 105 nello Zoo di Radio 105. Più volte è stato presente e citato nelle home page dei siti di Repubblica e di Live Sicilia. Il sosia di Ruoppolo, Angelo Joppolo, alias Alessandro Pappacoda, è stato il protagonista della fortunata e gettonata rubrica “Camera Zhen”, in onda su Teleacras, e del film natalizio “Gratta e scappa”, con una “prima” affollatissima al Cine Astor di Agrigento. I suoi video su youtube contano al marzo 2021 oltre 25 milioni di visualizzazioni complessive. Indirizzo mail: angeloruoppolo@virgilio.it

Most Popular

La pandemia covid nell’Agrigentino e i dati in dettaglio

La pandemia coronavirus nella provincia agrigentina e i dati in dettaglio diffusi dall’Azienda sanitaria. Sono 33 i nuovi positivi. I ricoveri sono 7 .I...

Agrigento, tassa soggiorno e difficoltà finanziarie: intervista a Di Rosa al Vg

Il sindaco di Agrigento, Franco Miccichè, ha appena annunciato come saranno spesi, d’accordo con la Consulta del turismo, i 265mila euro a disposizione ricavati...

Emergenza incendi, vertice in Prefettura ad Agrigento

A fronte dell’emergenza incendi, il prefetto di Agrigento, Maria Rita Cocciufa, ha firmato un documento di prevenzione e repressione degli incendi con i...

71 chili di droga nel cimitero

La Guardia di Finanza, in occasione di un blitz nel cimitero di Giarre, in provincia di Catania, ha trovato 71 chili tra marijuana, hashish...

Recent Comments