Home Politica Sicilia, decolla il Piano dei rifiuti

Sicilia, decolla il Piano dei rifiuti

Dopo la presentazione del Piano regionale dei rifiuti, lo sfogo del presidente della Regione, Musumeci, su oligopolio privato, carenze e ritardi. “La soluzione è il termovalorizzatore”

In Sicilia, dopo tanti stenti e difficoltà, sarebbe prossimo al decollo il tanto agognato Piano regionale dei rifiuti, appena presentato in conferenza dal presidente della Regione, Nello Musumeci, che, tra l’altro, ha rilanciato le competenze di Comuni e Province nel settore, e ha ribadito: “Abbiamo la necessità di fare chiarezza in un settore delicato in cui è forte anche l’interesse della criminalità. Noi dobbiamo redigere il piano, dare le autorizzazioni, finanziare impianti ed eseguire monitoraggio e controllo. E invece ci troviamo a dovere fare tutto noi, mentre le competenze su raccolta e smaltimento sono di Comuni e Province”. Poi, in riferimento alla raccolta differenziata, Musumeci ha affermato: “Abbiamo trovato una differenziata al 22% di media regionale, una bassa percentuale dei Comuni, scarsa sensibilizzazione dei cittadini, gare d’ambito non avviate. Tanto ci pensa la Regione a coprire le inerzie. Invece, adesso, la Regione è passata al 42% di raccolta differenziata, quasi raddoppiata rispetto al 22% del 2017. Sono 162 i Comuni siciliani con oltre il 65% di raccolta differenziata, 268 quelli con oltre il 50%, e 57 con meno del 35%, comprese le tre città di Palermo, Catania e Messina”. E poi, sulla prevalenza degli impianti privati sui pubblici, il presidente ha rimarcato: “Abbiamo trovato 4 impianti pubblici che trattano il 29% dei rifiuti, e altri 4 privati con il 71%. E nello smaltimento abbiamo trovato 6 impianti pubblici, 4 dei quali già in esaurimento, e 3 privati che hanno il 90% della raccolta. Si è creato un sistema di oligopolio privato che potrebbe, se volesse, fare collassare il sistema”. E poi, ancora in riferimento a peccati e omissioni, Nello Musumeci ha aggiunto: “Abbiamo trovato la mancanza di un piano regionale, 10 Srr, le società locali di regolamentazione dei rifiuti, non attive, carenza di impianti, lentezze burocratiche, e 511 discariche esauste non classificate”. Poi, in prospettiva, Musumeci ha annunciato la concretizzazione del progetto del termovalorizzatore, anzi, come lo definisce, un termoutilizzatore, ovvero un moderno termovalorizzatore privato in Sicilia. E ha spiegato: “Per realizzare un nuovo impianto in Sicilia ci vogliono 5 anni. Sono tempi vergognosi dovuti alla burocrazia nazionale e regionale. I termoutilizzatori privati si possono invece realizzare in 3 anni. Tra pochi giorni lanceremo il bando rivolto ai privati per realizzarne uno, ma il controllo sarà della Regione. Il termoutilizzatore è un sistema ‘mangia rifiuti’ che produce ricchezza, calore ed energia. Senza questa soluzione resteremmo in mano all’oligopolio dei privati e della cultura delle discariche. Noi non siamo mai stati innamorati di questo sistema, ma è la soluzione per liberarci delle discariche. Dobbiamo liberare la Sicilia dalla schiavitù delle discariche. Per 30 anni la politica ha lavorato per crearne soltanto di private, e ora i loro titolari dicono di volerle chiudere se non si raddoppia la capienza. I rifiuti non abbiamo dove conferirli. Allora ben vengano uno o due termoutilizzatori, come avviene in altre parti d’Italia, per produrre energia, calore e denaro. Le discariche sono un’offesa al buon senso e all’ambiente. Se il sistema in Sicilia dovesse arrivare al collasso, noi faremo quello che fanno le altre regioni, anche quelle ‘ambientaliste’: venderemo i rifiuti all’estero. In questo caso io sarei del parere di rifarci sulle tasche dei politici che hanno creato questo disastro”.

Angelo Ruoppolohttps://www.teleacras.it
Giornalista professionista, di Agrigento. Nel febbraio 1999 l’esordio televisivo con Teleacras. Dal 24 aprile 2012 è direttore responsabile del Tg dell’emittente agrigentina. Numerose le finestre radio – televisive nazionali in cui Angelo Ruoppolo è stato ospite. Solo per citarne alcune: Trio Medusa su Radio DeeJay, La vita in diretta su Rai 1, Rai 3 per Blob Best, Rai 1 con Tutti pazzi per la tele, Barbareschi shock su La 7, Rai Radio 2 con Le colonne d’Ercole, con Radio DeeJay per Ciao Belli, su Rai 3 con Mi manda Rai 3, con Rai 2 in Coast to coast, con Rai 2 in Gli sbandati, ancora con Rai 2 in Viaggio nell'Italia del Giro, e con Radio 105 nello Zoo di Radio 105. Più volte è stato presente e citato nelle home page dei siti di Repubblica e di Live Sicilia. Il sosia di Ruoppolo, Angelo Joppolo, alias Alessandro Pappacoda, è stato il protagonista della fortunata e gettonata rubrica “Camera Zhen”, in onda su Teleacras, e del film natalizio “Gratta e scappa”, con una “prima” affollatissima al Cine Astor di Agrigento. I suoi video su youtube contano al marzo 2021 oltre 25 milioni di visualizzazioni complessive. Indirizzo mail: angeloruoppolo@virgilio.it

Most Popular

Restituiti beni per 10 milioni di euro ai Morace (Liberty LInes)

La Sezione misure di prevenzione del tribunale di Palermo, presieduta da Raffaele Malizia, ha restituito agli armatori Vittorio ed Ettore Morace beni per...

Al Consorzio Universitario di Agrigento i 2600 anni dalla fondazione di Akragas

Ad Agrigento, domani, sabato 26 giugno, al Consorzio universitario, nell’aula magna “Luca Crescente”, si svolgerà, dalle ore 9 in poi, una giornata di...

Pandemia coronavirus nell’Agrigentino, i dati in dettaglio

La pandemia coronavirus nella provincia agrigentina e i dati in dettaglio secondo il bollettino dell’Azienda sanitaria provinciale di Agrigento. Sono 8 i nuovi casi...

Adas, donazione sangue a Sant’Angelo Muxaro, Palma di Montechiaro e Raffadali

La settimanale giornata di donazione del sangue, organizzata dall’Adas, si svolgerà dalle ore 8 alle 12 domani sabato 26 giugno a Sant’Angelo Muxaro nell’Oratorio...

Recent Comments