Home Politica Ance Sicilia: “Licenziamo tutti”

Ance Sicilia: “Licenziamo tutti”

Da novembre scorso la Regione non paga le imprese edili. I costruttori edili siciliani: “Siamo indebitati e senza liquidità. Licenziamo tutti”.

L’Ance Sicilia, l’associazione che riunisce i costruttori edili siciliani, denuncia: “La Regione siciliana da novembre non paga le imprese edili che, tuttavia, hanno continuato a garantire la prosecuzione dei lavori”. E i costruttori aggiungono: “Ci siamo indebitati, e abbiamo mantenuto i cantieri, in tempo di pandemia, solo grazie a soldi anticipati dalle banche e ricorrendo a tutti gli aiuti statali possibili”. E poi sottolineano: “Adesso, però, non solo non abbiamo più liquidità, né ne riceviamo altra, ma le banche, pressate dalle nuove e più restrittive norme europee, sollecitano il rientro dei crediti temendo che scadano in sofferenza”. E poi i costruttori prospettano: “A questo punto non possiamo che comunicare ai sindacati una decisione dolorosa quanto improcrastinabile: siamo costretti a licenziare tutti i lavoratori, a chiudere le imprese, e alla fine tutti ricorreranno al reddito di cittadinanza”. E il tutto è rilanciato dal presidente dell’Ance Sicilia, Santo Cutrone, che denuncia: “Gli imprenditori sono disperati, indignati, stanchi di non ricevere più alcuna risposta dagli assessorati, nè al telefono, nè alle mail, nè negli uffici, e neppure su una eventuale previsione di pagamento delle somme dovute”. Ecco perché Cutrone, dopo i precedenti a vuoto, ha inviato l’ennesimo sollecito al presidente della Regione, Nello Musumeci, e all’assessore all’Economia, Gaetano Armao. E il presidente Ance Sicilia scrive: “Per inspiegabili ragioni, dallo scorso mese di novembre 100 milioni di euro mancanti sono rimasti sospesi, così come lo sono da gennaio 2021 ad oggi tutte le altre fatture emesse successivamente. Si fanno continui annunci di sblocco di somme attraverso la ri-programmazione di fondi europei o con il superamento dei rilievi della Corte dei Conti. Di recente abbiamo anche letto di disposizioni impartite agli assessorati per pagare le fatture non evase. Ma non succede nulla. Perchè i burocrati non firmano i mandati di pagamento? E’ possibile che dopo un anno e mezzo di crisi, di restrizioni, ci sia qualcuno, solo in Sicilia, che non compie il proprio dovere, scatenando disastri economici nelle imprese, nelle famiglie dei lavoratori, nel mondo dei fornitori e dei professionisti legati alle costruzioni? E’ così che si vuole affrontare e gestire la sfida del ‘Recovery Plan’? Ma cosa deve accadere per redimere chi ancora oggi pensa di potere mantenere atteggiamenti di arrogante indifferenza e insensibilità nei confronti di un popolo che soffre?”.

Angelo Ruoppolohttps://www.teleacras.it
Giornalista professionista, di Agrigento. Nel febbraio 1999 l’esordio televisivo con Teleacras. Dal 24 aprile 2012 è direttore responsabile del Tg dell’emittente agrigentina. Numerose le finestre radio – televisive nazionali in cui Angelo Ruoppolo è stato ospite. Solo per citarne alcune: Trio Medusa su Radio DeeJay, La vita in diretta su Rai 1, Rai 3 per Blob Best, Rai 1 con Tutti pazzi per la tele, Barbareschi shock su La 7, Rai Radio 2 con Le colonne d’Ercole, con Radio DeeJay per Ciao Belli, su Rai 3 con Mi manda Rai 3, con Rai 2 in Coast to coast, con Rai 2 in Gli sbandati, ancora con Rai 2 in Viaggio nell'Italia del Giro, e con Radio 105 nello Zoo di Radio 105. Più volte è stato presente e citato nelle home page dei siti di Repubblica e di Live Sicilia. Il sosia di Ruoppolo, Angelo Joppolo, alias Alessandro Pappacoda, è stato il protagonista della fortunata e gettonata rubrica “Camera Zhen”, in onda su Teleacras, e del film natalizio “Gratta e scappa”, con una “prima” affollatissima al Cine Astor di Agrigento. I suoi video su youtube contano al marzo 2021 oltre 25 milioni di visualizzazioni complessive. Indirizzo mail: angeloruoppolo@virgilio.it

Most Popular

Lampedusa, incendio alla discarica comunale

A Lampedusa ha subito un incendio la discarica comunale in contrada Taccio Vecchio. Due squadre dei Vigili del fuoco, tra 6 pompieri e 3...

Agrigento, Associazioni contestano il Piano spesa della tassa di soggiorno

Ad Agrigento i rappresentanti delle associazioni Abba, Assoturismo, Assotel, Confesercenti, e Conflavoro, intervengono ancora nel merito della destinazione di spesa dei 265mila euro a...

Arrestati due incendiari

I Carabinieri di Troina, in provincia di Enna, hanno arrestato, in flagranza di reato, per incendio boschivo, due allevatori, un uomo di 80 anni...

Rapporti hard con un minore, arrestati prete e madre della vittima

Un prete in provincia di Perugia e una donna di Termini Imerese, in provincia di Palermo, sono stati arrestati dai Carabinieri in esecuzione di...

Recent Comments