Home Cronaca Sicilia, disastro fogne e depuratori

Sicilia, disastro fogne e depuratori

In Sicilia emerge una condizione raccapricciante nell’ambito di scarichi fognari e depuratori, tra multe, inquinamento e divieti di balneazione. L’intervento di Legambiente.

Lo stato attuale è disastroso. Le fogne e i depuratori in Sicilia sono in ritardo di 30 anni. Su 66 opere in appalto, solo 4 sono state concluse. E 8 Comuni su 10 sono stati multati dall’Unione Europea per scarichi fognari inesistenti o non a norma. E poi, ancora, 4 cittadini siciliani su 10 non beneficiano di un depuratore. E dei 457 impianti di depurazione esistenti, il 16 per cento sono spenti, il 20 per cento non sono autorizzati, e gli altri, e sono tanti, depurano solo una parte degli scarichi. Ad esempio, Catania ha solo il 20 per cento di cittadini serviti da una fognatura. E a Palermo, la capitale italiana della Cultura 2018, i cittadini “depurati” (tra virgolette) sono il 50 per cento. Ecco perché, ancora ad esempio, la stagione balneare nel mare di Mondello è iniziata con un’ordinanza di divieto di balneazione per l’elevato tasso di colibatteri fecali nella zona di Capo Gallo e dello stabilimento “La Torre”. E l’estate è terminata il 20 agosto con un altro divieto di balneazione imposto per gli stessi motivi nel tratto di mare tra piazza Valdesi e la zona dei circoli velici. Più in generale, secondo gli ultimi dati di cui è in possesso Legambiente, i divieti di balneazione interessano il 21 per cento delle spiagge siciliane. Infatti, in occasione dell’annuale transito in mare, la “Goletta Verde” di Legambiente, adesso, nell’estate 2021, ha bocciato la balneabilità delle acque di Sicilia come mai negli anni precedenti. Ancora infatti: secondo le analisi della barca di Legambiente, effettuate dal 6 all’8 luglio, su 24 punti campionati 6 sono molto inquinati, e 3 inquinati. Da tutti i 9 campioni sono emersi parametri di inquinamento oltre i limiti di legge, soprattutto per la presenza di batteri di origine fecale come enterococchi intestinali ed escherichia coli. “E ciò – spiega Legambiente in un apposito report – è una caratteristica specifica di inquinamento provocato da scarsa o assente depurazione”. E la direttrice regionale di Legambiente, Claudia Casa, più nel dettaglio aggiunge: “Preoccupa soprattutto lo stato di abbandono di alcuni tratti, e sono gli stessi punti che risultano inquinati da più di 10 anni. Ci sono ben 5 foci di fiumi oltre i limiti di legge, e altre 4 spiagge dove l’acqua risulta inquinata. Ad esempio la foce dell’Alcantara, nei pressi di Giardini Naxos, dal 2010 è sempre risultata inquinata. E così è dal 2011 la foce del Gattano a Gela, e dal 2013 il tratto di mare dove sfociano reflui fognari ad Aci Trezza” – conclude. Sulle coste siciliane trasformate in un’enorme fogna a cielo aperto indagano da almeno sei anni molte Procure della Repubblica dell’isola, e da due anni del caso siciliano, che è divenuto “europeo”, si occupa anche la Commissione parlamentare “Eco-mafie”, che tra gli altri ha appena ascoltato il procuratore di Catania, Carmelo Zuccaro, che si è rivelato parecchio eloquente, e ha dichiarato: “Tutti gli impianti di depurazione esistenti nel territorio siciliano sono assolutamente inadeguati. A iniziare dall’impianto della città di Catania fino al depuratore di Pantano d’Arci, che se funzionasse dovrebbe interessare un bacino d’utenza di 540mila utenti ma che adesso serve solo 70 residenti”.

Angelo Ruoppolohttps://www.teleacras.it
Giornalista professionista, di Agrigento. Nel febbraio 1999 l’esordio televisivo con Teleacras. Dal 24 aprile 2012 è direttore responsabile del Tg dell’emittente agrigentina. Numerose le finestre radio – televisive nazionali in cui Angelo Ruoppolo è stato ospite. Solo per citarne alcune: Trio Medusa su Radio DeeJay, La vita in diretta su Rai 1, Rai 3 per Blob Best, Rai 1 con Tutti pazzi per la tele, Barbareschi shock su La 7, Rai Radio 2 con Le colonne d’Ercole, con Radio DeeJay per Ciao Belli, su Rai 3 con Mi manda Rai 3, con Rai 2 in Coast to coast, con Rai 2 in Gli sbandati, ancora con Rai 2 in Viaggio nell'Italia del Giro, e con Radio 105 nello Zoo di Radio 105. Più volte è stato presente e citato nelle home page dei siti di Repubblica e di Live Sicilia. Il sosia di Ruoppolo, Angelo Joppolo, alias Alessandro Pappacoda, è stato il protagonista della fortunata e gettonata rubrica “Camera Zhen”, in onda su Teleacras, e del film natalizio “Gratta e scappa”, con una “prima” affollatissima al Cine Astor di Agrigento. I suoi video su youtube contano al marzo 2021 oltre 25 milioni di visualizzazioni complessive. Indirizzo mail: angeloruoppolo@virgilio.it

Most Popular

Amministrative e deposito liste, l’intervento di Decio Terrana

Il coordinatore regionale dell’Udc, onorevole Decio Terrana, interviene a seguito del deposito delle liste per le elezioni Amministrative del 10 ottobre, ringrazia tutti...

Montallegro, donna di 69 anni assolta in Tribunale per vizio di mente

Il giudice monocratico del Tribunale di Agrigento, Agata Genna, ha assolto una donna di 69 anni di Montallegro, O Z sono le iniziali del...

Agrigentino condannato per rapina

La sezione penale del Tribunale di Agrigento, presieduta da Wilma Mazzara, ha inflitto 4 anni di reclusione a Giuseppe Casà, 24 anni, di Agrigento,...

Tra il giallo, i contagi e i vaccini

In Sicilia, confermata gialla, il valore più elevato di contagiati per 100mila abitanti. Successo per la somministrazione del vaccino in farmacia nella provincia di...

Recent Comments