Home Cronaca "Lavoro e disperazione", duplice omicidio

“Lavoro e disperazione”, duplice omicidio

Ha confessato Francesco La Russa (nella foto), l’autore del duplice omicidio nella cava Giardinello a Trabia. Le reazioni sindacali : “Folle gesto frutto della disperazione e della crisi”.A Trabia, in provincia di Palermo, nella cava Giardinello, Francesco La Russa, 49 anni, sposato e padre di 3 figli, è entrato in ufficio sparando all’impazzata. E ha colpito a morte il consulente per la sicurezza, Gianluca Grimaldi, 39 anni, e il direttore del cantiere, Giovanni Sorci, 56 anni, risparmiando una terza persona, il ragioniere, che, vittima di un collasso, è stato poi trasportato in ospedale. Francesco La Russa è fuggito in automobile e si è nascosto nelle campagne di Trabia, dove è stato scoperto dalla Polizia di Termini Imerese. L’ uomo, freddamente, ha confessato ai poliziotti il duplice omicidio indicando dove trovare la pistola, una 9×21, in un armadietto a casa sua, poco distante dalla campagna dove si è rifugiato. Il movente sarebbe economico. L’operaio, come altri tre suoi colleghi, è in mobilità remunerata e più volte si sarebbe presentato nella cava chiedendo di essere riassunto. L’ azienda avrebbe proposto a Francesco La Russa di lavorare in un’altra cava, la Valle Rena, ad Altofonte, sempre in provincia di Palermo, ma lui avrebbe rifiutato. La cava Giardinello è sotto custodia del Tribunale perché è stata sequestrata pochi anni addietro alla famiglia Buttitta. E sotto shock è l’intero staff dell’amministrazione giudiziaria. L’amministratore, l’avvocato Gaetano Seminara Cappellano, recentemente alla ribalta delle cronache nell’ ambito dell’ inchiesta sulla gestione dei beni sequestrati, è stato prima colto da un malore e poi si è recato con i suoi collaboratori nella cava. Gianluca Grimaldi, una delle due vittime, sposato e padre di una bimba di 4 anni, è figlio di Elio Grimaldi, assistente presso la cancelleria della sezione misure di prevenzione del Tribunale di Palermo. Tante sono le reazioni sindacali a quanto accaduto. La Cgil di Palermo afferma : “Il dato preoccupante che emerge è l’incertezza crescente nella prospettiva di molti lavoratori disoccupati che, una volta licenziati e in mobilità, non riescono a trovare un nuova occupazione” . E la Cisl rilancia : “Il folle gesto è frutto di una disperazione dilagante, che cresce anziché diminuire. L’edilizia fa notizia ormai solo per tragedie suicide, omicide o per le morti bianche ma, concretamente, nessuno si interessa dell’agonia del comparto delle costruzioni, degli 80 mila disoccupati del settore, delle loro vite e del dramma che le loro famiglie ogni giorno vivono”.

Redazionehttp://www.teleacras.com
redazione@teleacras.com

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Most Popular

Denise: l’appello della mamma e del legale: ‘Cautela nel diffondere notizie’

Invitiamo tutti - giornalisti, magistrati o avvocati - alla massima cautela nel momento in cui si diffondono notizie che possono essere infondate o contenenti...

Covid: in Sicilia 163 nuovi positivi, 7 i morti

Sono 163 i nuovi positivi al Covid19 registrati in Sicilia nelle ultime 24 ore, su 9.911 tamponi processati, con una incidenza che sfiora l'1,7%....

Crisi idrica a Palma di Montechiaro, il sindaco, Castellino chiede una seduta straordinaria in diretta streaming per rendere partecipe la cittadinanza

Il sindaco di Palma di Montechiaro, Stefano Castellino, con nota prot 18567 del 14.6.2021inviata al Presidente del Consiglio comunale, Domenico Scicolone, ai sensi e...

Palermo, voleva soldi taglio capelli e colpisce barbiere con spranga

I carabinieri del nucleo radiomobile di Palermo hanno arrestato, in flagranza di reato, un 32enne cittadino del Bangladesh accusato di estorsione aggravata. L'uomo è...

Recent Comments