Home Prima pagina Ance: “Non ci sono più appalti”

Ance: “Non ci sono più appalti”

Pasqua infelice per i costruttori edili siciliani aderenti all’Ance, che si sono riuniti a Caltanissetta e hanno stigmatizzato il comportamento della classe politica e della burocrazia regionali, “palesemente – affermano – nemici dello sviluppo dell’Isola”, e hanno deciso di convocare la Consulta regionale delle costruzioni, che comprende tutte le associazioni degli imprenditori, dei professionisti e i sindacati, per lanciare un appello al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, “affinché intervenga – spiegano i Costruttori – per l’urgente ripristino delle normali condizioni di gestione della collettività da parte delle istituzioni democratiche.” E il presidente di Ance Sicilia, Santo Cutrone, aggiunge: “In Sicilia non si bandiscono più gare d’appalto, e il settore giace ancora nell’agonia a cui è stato condannato dal 2007, con una perdita di oltre 100mila posti di lavoro e la chiusura di migliaia di imprese. E a fronte di ciò, la Regione sembra confermare, anche nella Finanziaria attualmente sotto esame all’Assemblea regionale, la tendenza, costante negli ultimi anni, di aumentare le spese correnti e improduttive, e di dirottare risorse economiche dalle voci dello sviluppo verso quelle degli stipendifici e delle clientele elettorali. Nel 2016 – sottolinea Cutrone con dati alla mano – sono state bandite appena 96 gare d’appalto per 142 milioni di euro. E vi è un crollo del 56% rispetto alle 220 gare del 2015, e del 48% rispetto ai 275 milioni di euro offerti al mercato delle opere pubbliche nell’anno 2014. Rispetto al 2007 risulta oggi un meno 92% per numero di gare e un meno 88% per importi. Tradotto in cifre, il comparto siciliano delle infrastrutture nel 2016 ha ricevuto 1.142 gare in meno per una perdita di 1 miliardo e 142 milioni di euro rispetto al 2007. Questi numeri disastrosi si commentano da soli. Ci chiediamo – conclude il presidente dell’Ance – con che faccia questi politici possano pensare di ripresentarsi al giudizio dell’elettorato illudendosi di imbrogliarli ancora una volta con qualche provvedimento ‘elemosina’, come i pochi fondi fatti ventilare con i Patti per il Sud e che chissà quando si vedranno all’orizzonte.”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Most Popular

Il pizzaiolo agrigentino Francesco Salamone nel “forno” di Sanremo

Brillante traguardo professionale per il pizzaiolo agrigentino Francesco Salamone, che sarà pizzaiolo ufficiale in occasione della prossima edizione di Sanremo. Salamone, entusiasta, commenta: “Sarò...

Servire Agrigento: “Con i fondi del Pnrr un ospedale di comunità a Cammarata”

Come pubblicato, in Sicilia dal Piano nazionale di ripresa e resilienza sono attesi quasi 800 milioni di euro per la Sanità. In...

Giusi Savarino su acquisizione casa Livatino da parte della Regione

La deputata e portavoce regionale del movimento “Diventerà Bellissima”, Giusi Savarino, interviene a seguito della deliberazione della Giunta Musumeci per l’acquisizione della casa di...

Daniela Catalano su criticità e contraddittorietà green pass e quarantene

La coordinatrice di Fratelli d’Italia ad Agrigento, Daniela Catalano, rileva delle criticità e delle contraddittorietà sui green pass e sulle quarantene, e afferma:...

Recent Comments