Home Cronaca Sicilia, i casi e il quando “liberi tutti” (video)

Sicilia, i casi e il quando “liberi tutti” (video)

I casi coronavirus in Sicilia. Doccia fredda del presidente della Regione, Musumeci, sui facili entusiasmi: “Liberi tutti solo quando sarà pronto il vaccino”.

I contagiati da coronavirus in Sicilia sono 3.085. Dall’inizio dei controlli, i tamponi effettuati sono stati 70.650. Sono risultate positive 3.085 persone. Attualmente sono ancora contagiate 2.123. 731 sono guarite e 231 decedute. Degli attuali 2.123 positivi, 475 pazienti sono ricoverati, di cui 35 in terapia intensiva, e 1.648 sono in isolamento domiciliare.

Ecco la distribuzione degli attuali positivi nelle varie province: Agrigento 67, Caltanissetta 116, Catania 663, Enna 300, Messina 376, Palermo 344, Ragusa 54, Siracusa 111, Trapani 92.

In Sicilia “liberi tutti” solo quando sarà a disposizione il vaccino contro il coronavirus. Parola di Nello Musumeci. E il presidente della Regione conferma e rilancia: “Sì, la logica dei numeri non deve farci perdere di vista che l’emergenza continua e continuerà per diverso tempo”. E ribadisce: “Diremo ‘liberi tutti’ solo quando sarà trovato il vaccino”. Poi, sulla mobilità fuori dalle regioni di appartenenza, Musumeci interviene così: “Io sono contrario alla mobilità extra-regionale. Dal nord è arrivata la proposta dell’apertura verso altre regioni, ma c’è stato un no di Cateno De Luca e mio. Noi siamo riusciti a ridurre la diffusione del virus perché abbiamo ridotto del 94% la mobilità ordinaria in Sicilia”. Poi, in riferimento a ciò che affligge maggiormente la Sicilia in termini economici, ovvero la crisi del turismo in un’Isola a spiccata e determinante vocazione turistica, Nello Musumeci commenta: “Noi, almeno per quest’anno, puntiamo su un turismo autoctono. Parliamo di almeno due milioni di persone. Speriamo che i dati epidemiologici potranno consentire di aprire anche al resto degli italiani, ma intanto come Regione, abbiamo comprato dei pacchetti che affidiamo ai tour operator: chi va in vacanza può pagare due notti e la terza la regaliamo noi”. E poi, più in genere sul rilancio dell’economia, il presidente della Regione prospetta: “Abbiamo bisogno di spendere risorse pubbliche, aprire velocemente i cantieri. Con le procedure vigenti possiamo scordarcelo perché impongono attese estenuanti, incompatibili con la gravità del momento. Bisogna snellire le procedure. Il presidente Conte si è riservato di decidere”. E poi, sui dispositivi di protezione, Musumeci si irrigidisce così: “Sulle protezioni ho detto al governo che la mascherina dovrà essere obbligatoria non solo sugli autobus o nei negozi, ma anche per strada o al parco”. Ovviamente il “liberi tutti” solo e allorquando sarà commerciabile il vaccino preoccupa le imprese siciliane. La Cna regionale invoca un trattamento meno severo in Sicilia sulle riaperture. E il dirigente regionale Cna, Francesco Cuccia, annuncia: “Facendoci carico della rabbia e del disagio della categoria, ci siamo subito mossi. Chiederemo con forza, attraverso un accorato appello alle Istituzioni politiche della Regione con in testa il presidente Musumeci, che la Sicilia, facendo leva sul fatto che la parabola del contagio sia ormai vicina allo zero, rivendichi una diversa programmazione della ripresa delle attività in modo da consentire a tante imprese, compresi acconciatori e centri estetici, e aggiungiamo noi anche bar e ristoranti, una riapertura più ravvicinata nell’ambito della calendarizzazione dell’avvio della fase 2”.

Angelo Ruoppolohttps://www.teleacras.it
Giornalista professionista, di Agrigento. Nel febbraio 1999 l’esordio televisivo con Teleacras. Dal 24 aprile 2012 è direttore responsabile del Tg dell’emittente agrigentina. Numerose le finestre radio – televisive nazionali in cui Angelo Ruoppolo è stato ospite. Solo per citarne alcune: Trio Medusa su Radio DeeJay, La vita in diretta su Rai 1, Rai 3 per Blob Best, Rai 1 con Tutti pazzi per la tele, Barbareschi shock su La 7, Rai Radio 2 con Le colonne d’Ercole, con Radio DeeJay per Ciao Belli, su Rai 3 con Mi manda Rai 3, con Rai 2 in Coast to coast, con Rai 2 in Gli sbandati, ancora con Rai 2 in Viaggio nell'Italia del Giro, e con Radio 105 nello Zoo di Radio 105. Più volte è stato presente e citato nelle home page dei siti di Repubblica e di Live Sicilia. Il sosia di Ruoppolo, Angelo Joppolo, alias Alessandro Pappacoda, è stato il protagonista della fortunata e gettonata rubrica “Camera Zhen”, in onda su Teleacras, e del film natalizio “Gratta e scappa”, con una “prima” affollatissima al Cine Astor di Agrigento. I suoi video su youtube contano al maggio 2022 oltre 27 milioni di visualizzazioni complessive. Indirizzo mail: angeloruoppolo@virgilio.it

Most Popular

Cianciana resta a secco, il sindaco Martorana: “Subito ci siamo prodigato per riparare la rottura della condotta”

A seguito di una nuova rottura sulla condotta idrica cittadina, il sindaco di Cianciana, Francesco Martorana, ha comunicato alla cittadinanza che nella giornata di...

Ztl in via Atena, ecco la nuova ordinanza estiva

Con l’arrivo della stagione estiva la via Atenea farà registrare una notevole presenza di avventori, soprattutto nelle ore pomeridiane e serali. E’ questo il...

Il ritratto del Cardinale Montenegro ubicato a Palazzo Vescovile

Questa mattina, nel primo anniversario della conclusione del servizio pastorale del Card. Francesco Montenegro e l’inizio del ministero episcopale di mons. Alessandro Damiano (22...

Su Teleacras in onda Speciale Medicina sul trapianto dell’utero

Su Teleacras, domani, sabato 21 maggio, sul Canale 178, alle ore 13 e alle ore 21, in onda Speciale Medicina. Ospiti di Simona Carisi...

Recent Comments