Home Attualità Scuola, per Pullara, Caronia e Pellegrino "in Sicilia è il caos assoluto"

Scuola, per Pullara, Caronia e Pellegrino “in Sicilia è il caos assoluto”

“A poco più di una settimana dall’inizio del nuovo anno scolastico e riapertura delle scuole primarie e secondarie la situazione in Sicilia sembra di assoluto caos”. Si legge in un comunicato a firma degli Onorevoli Pullara, Caronia e Pellegrino. “Ancora in queste ore, diversi enti locali stanno emanando avvisi per la ricerca di locali da adibire a classi in vista dell’apertura dell’anno scolastico prevista in Sicilia il prossimo 14 Settembre. Questo, nonostante la disponibilità manifestata dalla Conferenza episcopale di mettere a disposizione spazi parrocchiali per lo svolgimento dell’attività didattica e nonostante i fondi statali stanziati ed utilizzati per lavori di adeguamento e manutenzione dei locali già disponibili”.
Lo dichiarano i deputati regionali Marianna Caronia, Stefano Pellegrino e Carmelo Pullara, secondo i quali “a poco più da una settimana dall’avvio del nuovo anno scolastico nelle scuole primarie e secondarie la situazione in Sicilia sembra di assoluto caos nonostante sia innegabile che da parte di tutti gli attori istituzionali coinvolti vi sia il massimo impegno.
Di fronte a questa situazione – continuano Pellegrino, Caronia e Pullara – chiediamo al Governo regionale ed in particolare all’Assessore Lagalla di chiarire alle famiglie e ai dirigenti scolastici quale sia il quadro reale della situazione fornendo cifre e dati oggettivi e tangibili.
Non crediamo sia possibile caricare sulle spalle dei singoli dirigenti la responsabilità di decidere sull’inizio dell’anno scolastico, il cui calendario non può essere frammentato.
Crediamo sia necessario non fare alcuna forzatura per una apertura che se fosse frettolosa potrebbe determinare situazioni come quella francese, dove a quattro giorni dall’inizio dell’anno scolastico sono già centinaia le scuole e le classi chiuse per casi di contagio. Suggeriamo quindi – concludono Pullara, Caronia e Pellegrino – di valutare attentamente modalità di avvio dell’attività didattica, al fine di coniugare esigenze di prosecuzione della crescita culturale dei nostri giovani con quelle della tutela della salute, prevedend se necessario forme miste di didattica in presenza e a distanza, con avvio a distanza ove ancora non in totale sicurezza per alunni e docenti.”

Redazionehttp://www.teleacras.com
redazione@teleacras.com
- Advertisment -

Most Popular

Commissari servizi idrico e Tre Sorgenti, nuovo scontro sulla portata dell’acqua in alcuni comuni

E' ormai un valzer quello tra la Gestione Commissariale del S.I.I. – ATI AG9 e il consorzio Tre sorgenti. Oggi l'ennesima puntata, come da...

Positivi al Covid, in Sicilia (179) sono più che a marzo

Record di contagi in Sicilia: 179 persone sono state trovate positive al Coronavirus nelle ultime 24 ore. E' la cifra più alta dall'inizio della...

A Favara “salta” la tradizionale Fiera di ottobre, la sindaco Alba: “Troppo alto il rischio di contagio da Covid”

La sindaca di Favara Anna Alba ha revocato la delibera numero 66 dell’undici settembre scorso che istituiva la fiera d’ottobre di giorno 25 del...

Covid 19,arrivati in Sicilia i primi tamponi rapidi

È già in corso, alle Aziende sanitarie siciliane, la distribuzione del primo carico di 750mila tamponi rapidi acquistati direttamente dalla Regione Siciliana per un'ulteriore...

Recent Comments