Home Cronaca Caso di revenge porn a Raffadali

Caso di revenge porn a Raffadali

A Raffadali i Carabinieri arrestano un tunisino di 36 anni per ricatto sessuale a una donna di 70 anni. L’uomo sorpreso in flagranza del reato di tentata estorsione.

L’avvento dei social network, ovvero un immenso e planetario contenitore di foto, come facebook (libro di facce), interventi, e anche, forse soprattutto, pettegolezzi, ha provocato delle distorsioni: approfittare dell’agorà, la piazza pubblica, se non il cortile sociale, condiviso da centinaia di migliaia di utenti, per diffondere ingiurie, diffamazioni e oscenità più o meno compromettenti. E’ il caso di una nuova fattispecie di reato, ancora non prevista dal codice penale italiano se non come assimilabile al reato di estorsione o tentata estorsione, ossia il “revenge porn”, dall’inglese letterale “vendetta porno”, dunque il ricatto, la minaccia, da parte di un lui, e molto più raramente di una lei, di pubblicare nel firmamento social dei video sessuali intimi tra lui e lei, come vendetta per una relazione interrotta o anche per ottenere in cambio altre utilità, ad esempio denaro. Ecco perché estorsione o tentata estorsione. E per tentata estorsione a sfondo di “revenge porn” è stato arrestato a Raffadali, città del pistacchio in provincia di Agrigento, un tunisino di 36 anni appena reduce da una relazione, anche intima, con una lei, che, ancora più raccapricciante e incredibile, è una donna di 70 anni. Sì, 70 anni. Lui, l’africano, probabilmente ammalato di “gerontofilia”, dal greco “geron” che significa anziano e “philia” cioè amore, amicizia, quindi colui che prova attrazione sessuale verso le persone anziane, avrebbe preteso dalla settantenne, con la quale avrebbe intrattenuto dei rapporti sessuali, un contratto di lavoro e dei soldi, e solo così avrebbe cancellato i video intimi registrati durante gli incontri con lei, e non li avrebbe pubblicati. Lei ha tremato non solo al pensiero della pubblicazione delle esibizioni pornografiche, ma anche per la prospettiva di pagare una volta e poi di essere costretta a pagare altre tante volte, preda di un ricatto perpetuo. Ordunque, lei si è animata di coraggio, si è recata alla locale stazione dei Carabinieri, e ha raccontato quanto accaduto. I Carabinieri, solido riferimento a fianco dei cittadini, hanno organizzato la trappola e si sono presentati anche loro all’atto della consegna del denaro, i primi 100 euro, al tunisino. Le manette. Stop al “revenge porn”.

Angelo Ruoppolohttps://www.teleacras.it
Giornalista professionista, di Agrigento. Nel febbraio 1999 l’esordio televisivo con Teleacras. Dal 24 aprile 2012 è direttore responsabile del Tg dell’emittente agrigentina. Numerose le finestre radio – televisive nazionali in cui Angelo Ruoppolo è stato ospite. Solo per citarne alcune: Trio Medusa su Radio DeeJay, La vita in diretta su Rai 1, Rai 3 per Blob Best, Rai 1 con Tutti pazzi per la tele, Barbareschi shock su La 7, Rai Radio 2 con Le colonne d’Ercole, con Radio DeeJay per Ciao Belli, su Rai 3 con Mi manda Rai 3, con Rai 2 in Coast to coast, con Rai 2 in Gli sbandati, ancora con Rai 2 in Viaggio nell'Italia del Giro, e con Radio 105 nello Zoo di Radio 105. Più volte è stato presente e citato nelle home page dei siti di Repubblica e di Live Sicilia. Il sosia di Ruoppolo, Angelo Joppolo, alias Alessandro Pappacoda, è stato il protagonista della fortunata e gettonata rubrica “Camera Zhen”, in onda su Teleacras, e del film natalizio “Gratta e scappa”, con una “prima” affollatissima al Cine Astor di Agrigento. I suoi video su youtube contano al marzo 2021 oltre 25 milioni di visualizzazioni complessive. Indirizzo mail: angeloruoppolo@virgilio.it

Most Popular

Incidente mortale a Sciacca: muore un uomo di Canicattì

Un’autovettura Mercedes, per cause ancora in corso d’accertamento, è precipitata dal viadotto del torrente Bagni, a poche centinaia di metri dall’abitato di Sciacca. Il...

Covid: in Sicilia 183 nuovi positivi, cinque i decessi

Sono 183 i nuovi positivi al Covid 19 registrati in Sicilia nelle ultime 24 ore, su 13.525 tamponi processati, con una incidenza che torna...

Il Consorzio Universitario di Agrigento ospita Aldo Cazzullo

Nell’ambito delle iniziative culturali promosse dal Consorzio universitario di Agrigento, lunedì prossimo, 21 giugno, alle ore 10:30, nell’auditorium “Rosario Livatino”, il Consorzio, in collaborazione...

Truffa on line a danno della parrocchia di Calamonaci, denunciato

I Carabinieri della stazione di Calamonaci, in provincia di Agrigento, dopo avere ricevuto la querela da parte di un giovane di 20 anni attivo...

Recent Comments