Home Cronaca Caso di revenge porn a Raffadali

Caso di revenge porn a Raffadali

A Raffadali i Carabinieri arrestano un tunisino di 36 anni per ricatto sessuale a una donna di 70 anni. L’uomo sorpreso in flagranza del reato di tentata estorsione.

L’avvento dei social network, ovvero un immenso e planetario contenitore di foto, come facebook (libro di facce), interventi, e anche, forse soprattutto, pettegolezzi, ha provocato delle distorsioni: approfittare dell’agorà, la piazza pubblica, se non il cortile sociale, condiviso da centinaia di migliaia di utenti, per diffondere ingiurie, diffamazioni e oscenità più o meno compromettenti. E’ il caso di una nuova fattispecie di reato, ancora non prevista dal codice penale italiano se non come assimilabile al reato di estorsione o tentata estorsione, ossia il “revenge porn”, dall’inglese letterale “vendetta porno”, dunque il ricatto, la minaccia, da parte di un lui, e molto più raramente di una lei, di pubblicare nel firmamento social dei video sessuali intimi tra lui e lei, come vendetta per una relazione interrotta o anche per ottenere in cambio altre utilità, ad esempio denaro. Ecco perché estorsione o tentata estorsione. E per tentata estorsione a sfondo di “revenge porn” è stato arrestato a Raffadali, città del pistacchio in provincia di Agrigento, un tunisino di 36 anni appena reduce da una relazione, anche intima, con una lei, che, ancora più raccapricciante e incredibile, è una donna di 70 anni. Sì, 70 anni. Lui, l’africano, probabilmente ammalato di “gerontofilia”, dal greco “geron” che significa anziano e “philia” cioè amore, amicizia, quindi colui che prova attrazione sessuale verso le persone anziane, avrebbe preteso dalla settantenne, con la quale avrebbe intrattenuto dei rapporti sessuali, un contratto di lavoro e dei soldi, e solo così avrebbe cancellato i video intimi registrati durante gli incontri con lei, e non li avrebbe pubblicati. Lei ha tremato non solo al pensiero della pubblicazione delle esibizioni pornografiche, ma anche per la prospettiva di pagare una volta e poi di essere costretta a pagare altre tante volte, preda di un ricatto perpetuo. Ordunque, lei si è animata di coraggio, si è recata alla locale stazione dei Carabinieri, e ha raccontato quanto accaduto. I Carabinieri, solido riferimento a fianco dei cittadini, hanno organizzato la trappola e si sono presentati anche loro all’atto della consegna del denaro, i primi 100 euro, al tunisino. Le manette. Stop al “revenge porn”.

Angelo Ruoppolohttps://www.teleacras.it
Giornalista professionista, di Agrigento. Nel febbraio 1999 l’esordio televisivo con Teleacras. Dal 24 aprile 2012 è direttore responsabile del Tg dell’emittente agrigentina. Numerose le finestre radio – televisive nazionali in cui Angelo Ruoppolo è stato ospite. Solo per citarne alcune: Trio Medusa su Radio DeeJay, La vita in diretta su Rai 1, Rai 3 per Blob Best, Rai 1 con Tutti pazzi per la tele, Barbareschi shock su La 7, Rai Radio 2 con Le colonne d’Ercole, con Radio DeeJay per Ciao Belli, su Rai 3 con Mi manda Rai 3, con Rai 2 in Coast to coast, con Rai 2 in Gli sbandati, ancora con Rai 2 in Viaggio nell'Italia del Giro, e con Radio 105 nello Zoo di Radio 105. Più volte è stato presente e citato nelle home page dei siti di Repubblica e di Live Sicilia. Il sosia di Ruoppolo, Angelo Joppolo, alias Alessandro Pappacoda, è stato il protagonista della fortunata e gettonata rubrica “Camera Zhen”, in onda su Teleacras, e del film natalizio “Gratta e scappa”, con una “prima” affollatissima al Cine Astor di Agrigento. I suoi video su youtube contano al marzo 2021 oltre 25 milioni di visualizzazioni complessive. Indirizzo mail: angeloruoppolo@virgilio.it

Most Popular

Crisi Aica, l’intervento della Cgil e la proposta di soluzione

La maggior parte dei Comuni aderenti all’Aica, l’Associazione idrica dei Comuni agrigentini, non ha ancora approvato i piani di rientro e, di conseguenza, non...

La pandemia covid nella provincia agrigentina, i dati in dettaglio

La pandemia coronavirus nella provincia agrigentina, e i dati in dettaglio diffusi dall’Azienda sanitaria provinciale. Sono 28 i nuovi contagiati. I ricoveri, in terapia...

Emittenti radiotelevisive in difficoltà. Rea scrive al Ministro (video)

Emittenti radiotelevisive in difficoltà: lettera della Rea (Radiotelevisioni europee associate) al ministro per la Comunicazione. I dettagli nel video

“Hanno pagato la tassa di stazionamento oppure no?”

Il vice presidente provinciale del Codacons di Agrigento, Giuseppe Di Rosa, ha diffuso delle foto a testimonianza – a suo avviso – di quanto...

Recent Comments