Home Attualità Il movimento culturale "Centro storico di Agrigento" ricorda la frana del '66

Il movimento culturale “Centro storico di Agrigento” ricorda la frana del ’66

Oggi, 19 luglio, ricorre il 55esimo anniversario della disastrosa frana nel centro storico di Agrigento. Il movimento culturale “il centro storico di Agrigento” ha diffuso un video e afferma: “Ricordare per non dimenticare. Con questo slogan vogliamo ricordare l’evento franoso che 55 anni fa cambiò per sempre il volto dell’antica Girgenti. La nostra è una campagna di sensibilizzazione per far sì che anche le nuove generazioni ricordino cosa accadde quel lontano martedì 19 luglio del 1966. Quella mattina, intorno alle ore 6, un netturbino, Francesco Farruggia, mentre prestava servizio nella nuova Via Dante, vide aprirsi il manto stradale sotto i suoi piedi. Capì subito che qualcosa di grave si stava abbattendo sull’assonnata Agrigento. Iniziò quindi ad urlare “U terremotu, u terremotu” riuscendo ad avvertire 8mila abitanti della parte occidentale della città. Fu grazie al suo intervento che la frana di Agrigento non provocò vittime. Ma cosa causò tutto ciò? E’ stata la speculazione edilizia selvaggia che investì Agrigento dalla fine degli anni ‘50, e che ebbe uno sviluppo spropositato. Si andarono a costruire decine di fabbricati su un terreno di argilla e sabbione, che non poteva sorreggere il peso nemmeno di una piccola costruzione. Colate di cemento inghiottirono la parte antica della città. E la natura, quella mattina del 19 luglio, si ribellò all’Agrigentino “costruttore”, che per interessi di tasca andò a distruggere il volto della città. La frana, provocò uno spopolamento del centro storico, e la nascita di quartieri satellite, che andarono ad ospitare i sinistrati dei quartieri del Rabbato e di Santa Croce. Sono quartieri oggi “dormitorio”, disconnessi del tutto dal tessuto urbano della città”.

Il video è in onda oggi al Videogiornale di Teleacras.

Angelo Ruoppolohttps://www.teleacras.it
Giornalista professionista, di Agrigento. Nel febbraio 1999 l’esordio televisivo con Teleacras. Dal 24 aprile 2012 è direttore responsabile del Tg dell’emittente agrigentina. Numerose le finestre radio – televisive nazionali in cui Angelo Ruoppolo è stato ospite. Solo per citarne alcune: Trio Medusa su Radio DeeJay, La vita in diretta su Rai 1, Rai 3 per Blob Best, Rai 1 con Tutti pazzi per la tele, Barbareschi shock su La 7, Rai Radio 2 con Le colonne d’Ercole, con Radio DeeJay per Ciao Belli, su Rai 3 con Mi manda Rai 3, con Rai 2 in Coast to coast, con Rai 2 in Gli sbandati, ancora con Rai 2 in Viaggio nell'Italia del Giro, e con Radio 105 nello Zoo di Radio 105. Più volte è stato presente e citato nelle home page dei siti di Repubblica e di Live Sicilia. Il sosia di Ruoppolo, Angelo Joppolo, alias Alessandro Pappacoda, è stato il protagonista della fortunata e gettonata rubrica “Camera Zhen”, in onda su Teleacras, e del film natalizio “Gratta e scappa”, con una “prima” affollatissima al Cine Astor di Agrigento. I suoi video su youtube contano al marzo 2021 oltre 25 milioni di visualizzazioni complessive. Indirizzo mail: angeloruoppolo@virgilio.it

Most Popular

La madre della bambina morta a Palermo: “Vaccinatevi tutti”

La madre di Ariele, la bambina di 11 anni vittima della variante Delta del covid a Palermo, è intervenuta nel merito di quanto accaduto....

L’interscambio rifiuti in via Imperatori, la protesta dei residenti in via Magellano

Spazio alle segnalazioni dei cittadini. Ad Agrigento i residenti di via Magellano denunciano l’inquinamento ambientale che sarebbe provocato dall’area adibita a interscambio e raccolta...

Di Rosa (Codacons) interroga sul bando “Biblioteche e Comunità”

Il vice presidente provinciale del Codacons di Agrigento, Giuseppe Di Rosa, informa che, per valorizzare il ruolo delle biblioteche comunali come luoghi di incontro,...

“Spazi pre-occupati”, Teresa Fiore presenta un nuovo libro ad Agrigento

Ad Agrigento, oggi, mercoledì 28 luglio, nella Valle dei Templi, a Casa Barbadoro, dalle ore 19:30 in poi si presenta il libro di Teresa...

Recent Comments