Home Cronaca “Migranti”, sbarchi e indagini

“Migranti”, sbarchi e indagini

Lampedusa meta di centinaia di migranti. Ha insospettito l’approdo di un barcone con circa 450 persone a bordo, anche ferite. La Procura di Agrigento avvia un’inchiesta.

A Lampedusa sono approdati centinaia di migranti. Nel Centro d’accoglienza in contrada Imbriacola si sono quasi sfiorate le 1500 presenze a fronte di una capienza di 250 posti. La Prefettura di Agrigento è impegnata nei trasferimenti. Le forze dell’ordine, in mare e a terra lavorano incessantemente, e così i sanitari che provvedono soprattutto ai controlli anti-covid. Il tutto è già stato, è, e ancora sarà nel futuro prossimo venturo, perché la ricetta della soluzione per trattenere o arrestare l’immigrazione clandestina non è stata ancora scoperta o inventata. E l’Italia, come le impone il famigerato trattato di Dublino, è la prima ad essere esposta ai flussi dei migranti, in Sicilia, attraverso la frontiera di Lampedusa, la “porta d’Europa”. Tuttavia nel corso delle ultime ore a Lampedusa è avvenuto uno sbarco insolito, che ha insospettito il Procuratore di Agrigento, Luigi Patronaggio, tanto da avviare un’inchiesta. Sì perché ha gettato l’ancora un barcone carico di circa 450 persone di varia nazionalità, e parecchi a bordo hanno segni di ferite. I magistrati agrigentini ipotizzano che i migranti siano stati vittime di violenze, percosse e torture in Libia nei centri dove sono radunati prima delle partenze, e che i viaggi siano pilotati da bande impegnate nel traffico di esseri umani, disposti a pagare anche due o tremila euro pur di partire. Sfogliando al contrario le pagine della cronaca, sono state numerose le inchieste che hanno svelato nomi e volti dei trafficanti. Sono stati spiccati gli ordini di cattura internazionali ma, nella maggior parte dei casi, i ricercati non sono stati mai trovati e assicurati alla giustizia. Di scafisti ne sono stati arrestati tantissimi, ma dei capibanda è difficile trovare tracce. L’episodio insolito dell’ancoraggio del barcone stracarico, anche di tante persone ferite, non ha sollevato l’attenzione solo della Procura di Agrigento ma anche dell’associazione “Medici senza frontiere” operante a Lampedusa. E Alida Serrachieri, responsabile medico, ha confermato: “Il barcone, partito dalla Libia e stipato all’inverosimile, aveva a bordo persone di varia nazionalità e molti di loro mostrano segni di violenza e percosse subite durante la permanenza nel paese nordafricano”. Il sindaco di Lampedusa, Totò Martello, invoca: “Corridoi umanitari non solo per gli afghani. L’Unione Europea sostenga l’accoglienza. A Lampedusa sono arrivati circa 450 migranti, uno dei più grossi sbarchi degli ultimi tempi. Ancora una volta l’isola si prepara ad affrontare da sola il peso dell’accoglienza umanitaria. Sono il primo a dire che bisogna sostenere, a tutti i livelli, l’impegno della comunità internazionale di fronte al dramma che si sta vivendo in Afghanistan, ma è giusto ricordare che ci sono altri territori e paesi nei quali sono quotidianamente negati i diritti umani e diritti fondamentali come quello alla salute, all’istruzione, al cibo. E’ necessario accendere i riflettori sugli ‘altri Afghanistan’, e garantire anche a quelle popolazioni corridoi umanitari, gestiti dalle istituzioni internazionali. Ciascun essere umano deve avere la possibilità di vivere una vita migliore, soprattutto se le condizioni del paese di origine non lo permettono. Al tempo stesso dico che servono strumenti e misure specifiche per il sostegno ai territori di confine, come Lampedusa, impegnati in prima linea sul fronte dell’accoglienza”.

Angelo Ruoppolohttps://www.teleacras.it
Giornalista professionista, di Agrigento. Nel febbraio 1999 l’esordio televisivo con Teleacras. Dal 24 aprile 2012 è direttore responsabile del Tg dell’emittente agrigentina. Numerose le finestre radio – televisive nazionali in cui Angelo Ruoppolo è stato ospite. Solo per citarne alcune: Trio Medusa su Radio DeeJay, La vita in diretta su Rai 1, Rai 3 per Blob Best, Rai 1 con Tutti pazzi per la tele, Barbareschi shock su La 7, Rai Radio 2 con Le colonne d’Ercole, con Radio DeeJay per Ciao Belli, su Rai 3 con Mi manda Rai 3, con Rai 2 in Coast to coast, con Rai 2 in Gli sbandati, ancora con Rai 2 in Viaggio nell'Italia del Giro, e con Radio 105 nello Zoo di Radio 105. Più volte è stato presente e citato nelle home page dei siti di Repubblica e di Live Sicilia. Il sosia di Ruoppolo, Angelo Joppolo, alias Alessandro Pappacoda, è stato il protagonista della fortunata e gettonata rubrica “Camera Zhen”, in onda su Teleacras, e del film natalizio “Gratta e scappa”, con una “prima” affollatissima al Cine Astor di Agrigento. I suoi video su youtube contano al marzo 2021 oltre 25 milioni di visualizzazioni complessive. Indirizzo mail: angeloruoppolo@virgilio.it

Most Popular

Agrigento, “acqua”, ok dal serbatoio Forche Rupe Atenea

Il sindaco di Agrigento Francesco Miccichè ha revocato con ordinanza n.125 del 24/09/2021, l’ordinanza n.123 del 16/9/2021 avente per oggetto: Segnalazione di acqua destinata...

Cga: ok a ricorso Rino Cirami. Ancora condannato Comune Terme Vigliatore

Nel 2014, il dott. Melchiorre Cirami, magistrato in quiescenza ed ex senatore della Repubblica, già nominato presidente e poi commissario straordinario con funzioni di...

Sentenza “Trattativa”, l’intervento di Cafiero De Raho

Il procuratore nazionale antimafia, Federico Cafiero De Raho, è intervenuto a seguito della sentenza d’Appello emessa a Palermo al processo sulla presunta “trattativa” Stato-mafia,...

Docente no-vax positivo al Covid a Sciacca, otto classi a casa

A Sciacca coinvolge 8 classi dell’istituto comprensivo “Mariano Rossi” l’accertata positività di un docente di Religione, dichiaratamente no-vax, come rivelano i post pubblicati sulla...

Recent Comments