Home Cronaca Rischio terrorismo no vax, nella chat negazionista istigazione agli attentati contro Draghi,...

Rischio terrorismo no vax, nella chat negazionista istigazione agli attentati contro Draghi, medici, scienziati e giornalisti

Maxi operazione in tutta Italia. Coinvolta anche Palermo. In un canale Telegram, utilizzato da No Vax, istigazioni contro Draghi, medici, scienziati e giornalisti. I dettagli.

Il rischio terrorismo “No vax” emerge da una maxi operazione condotta dalla Polizia di Torino oggi in tutta Italia. E tra le città coinvolte vi è anche Palermo, dove sono state eseguite delle perquisizioni. Si tratta di 17 provvedimenti di perquisizione nei confronti dei più radicali affiliati al canale Telegram, la cui titolazione è già un programma: “Basta dittatura“. A loro carico sono ipotizzati, a vario titolo, i reati di istigazione a delinquere con l’aggravante del ricorso a strumenti telematici, e di istigazione a disobbedire le leggi. Lo stesso canale Telegram è già stato oggetto di un provvedimento giudiziario di sequestro nonché della decisione di chiusura da parte della stessa società, in considerazione della gravità dei contenuti pubblicati. Le indagini della Polizia sono coordinate dal gruppo “Terrorismo ed eversione” della Procura di Torino. Nello stesso canale, i partecipanti hanno istigato sistematicamente all’utilizzo delle armi e a compiere gravi atti illeciti contro le più alte cariche istituzionali, tra cui il presidente del Consiglio Mario Draghi. Nel mirino anche le forze dell’ordine, i medici, gli scienziati, i giornalisti e altri personaggi pubblici accusati di “asservimento” e di “collaborazionismo” con la “dittatura”. Frequenti sono i riferimenti espliciti a “impiccagioni”, “fucilazioni”, “gambizzazioni”. Nei messaggi si allude anche a una nuova “marcia su Roma”. Bersaglio di pesanti insulti è anche tutta quella parte di popolazione che, vaccinandosi e osservando le regole di protezione personale, ha accettato di rendersi “schiava” dello Stato. Tra gli indagati vi sono pregiudicati e incensurati.

Angelo Ruoppolohttps://www.teleacras.it
Giornalista professionista, di Agrigento. Nel febbraio 1999 l’esordio televisivo con Teleacras. Dal 24 aprile 2012 è direttore responsabile del Tg dell’emittente agrigentina. Numerose le finestre radio – televisive nazionali in cui Angelo Ruoppolo è stato ospite. Solo per citarne alcune: Trio Medusa su Radio DeeJay, La vita in diretta su Rai 1, Rai 3 per Blob Best, Rai 1 con Tutti pazzi per la tele, Barbareschi shock su La 7, Rai Radio 2 con Le colonne d’Ercole, con Radio DeeJay per Ciao Belli, su Rai 3 con Mi manda Rai 3, con Rai 2 in Coast to coast, con Rai 2 in Gli sbandati, ancora con Rai 2 in Viaggio nell'Italia del Giro, e con Radio 105 nello Zoo di Radio 105. Più volte è stato presente e citato nelle home page dei siti di Repubblica e di Live Sicilia. Il sosia di Ruoppolo, Angelo Joppolo, alias Alessandro Pappacoda, è stato il protagonista della fortunata e gettonata rubrica “Camera Zhen”, in onda su Teleacras, e del film natalizio “Gratta e scappa”, con una “prima” affollatissima al Cine Astor di Agrigento. I suoi video su youtube contano al marzo 2021 oltre 25 milioni di visualizzazioni complessive. Indirizzo mail: angeloruoppolo@virgilio.it

Most Popular

Topi alla Federico II, la derattizzazione la paga il capogruppo di Fdl al Consiglio comunale, Gerlando Piparo

Ancora una volta il consigliere comunale di Agrigento, Gerlando Piparo, interviene a proprie spese per risolvere situazioni che mettono in difficoltà la quotidianità dei...

Ad Agrigento si inaugura un monumento dedicato alle donne vittime di violenza

Ad Agrigento sarà inaugurato giovedì prossimo, 9 dicembre, alle ore 10, a Porta di Ponte, all’incrocio tra via Gioeni e via Atenea, un monumento...

“Da Musumeci premi di rendimento agli incapaci e agli inetti da sanzionare”

Sui premi di rendimento per complessivi 27 milioni di euro, e da 800 a 1800 euro ciascuno, ai dipendenti della Regione Siciliana, interviene il...

27 milioni di euro di premi ai dipendenti della Regione Siciliana

Tra il governo regionale e i sindacati è stato raggiunto un accordo per pagare i premi di rendimento ai dipendenti della Regione Siciliana. Saranno...

Recent Comments