Home Cronaca Il perché è incostituzionale l’ergastolo ostativo

Il perché è incostituzionale l’ergastolo ostativo

La Corte Costituzionale ha depositato le motivazioni del suo pronunciamento sulla incostituzionalità dell’ergastolo ostativo. I dettagli.

Lo scorso 15 aprile è stata emessa l’attesa sentenza della Corte Costituzionale nel merito della questione di legittimità costituzionale sull’ergastolo ostativo, ossia del no alla liberazione condizionale e ad altri benefici carcerari per i detenuti condannati per reati di mafia che abbiano scontato 26 anni di carcere e che non hanno collaborato con la giustizia. Quando invece la libertà condizionata e altre premialità sono concesse a tutti gli altri detenuti con 26 anni di carcere sulle spalle. Si tratta di quanto prevede l’articolo 4 bis comma 1 dell’ordinamento penitenziario su cui si è pronunciata la Corte Costituzionale. Ebbene la Consulta ha dichiarato incostituzionale l’ergastolo ostativo ma – attenzione – la Corte ha aggiunto che la norma sull’ergastolo ostativo potrà essere applicata ancora, almeno fino a quando il Parlamento non deciderà di intervenire. Il termine per la decisione del Parlamento è stato fissato al maggio 2022. Tanti magistrati e addetti ai lavori antimafia hanno già sollevato le barricate contro un eventuale accoglimento della tesi della non costituzionalità dell’articolo sull’ergastolo ostativo, perché, tra l’altro, ciò è stato una delle richieste contenute nel ‘papello’ di Totò Riina. Ebbene, adesso la Corte Costituzionale ha depositato le motivazioni del suo pronunciamento. E, in sintesi, scrive: “L’ergastolo ostativo è in contrasto con gli articoli della Costituzione 3, sull’uguaglianza di tutti i cittadini innanzi alla legge, e 27 secondo cui le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato. Ed è in contrasto anche con l’articolo 3 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo ovvero: ‘Nessuno può essere sottoposto a tortura né a pene o trattamenti inumani o degradanti”. E poi, sul rimpallo della decisione finale al Parlamento, la Corte Costituzionale prosegue così: “Appartiene alla discrezionalità legislativa, quindi del Parlamento, decidere se e come eliminare la collaborazione con la Giustizia quale unico strumento per accedere alla liberazione condizionale”. E poi ancora: “La scelta di non collaborare può esser determinata da ragioni che nulla hanno a che vedere con il mantenimento di legami con le associazioni criminali. Tale scelta può essere vissuta in maniera drammatica. Infatti, in casi limite può trattarsi di una ‘scelta tragica’ tra la propria (eventuale) libertà, che può tuttavia comportare rischi per la sicurezza dei propri cari, e la rinuncia alla libertà, quindi a collaborare, per preservare i propri cari da pericoli”.

Angelo Ruoppolohttps://www.teleacras.it
Giornalista professionista, di Agrigento. Nel febbraio 1999 l’esordio televisivo con Teleacras. Dal 24 aprile 2012 è direttore responsabile del Tg dell’emittente agrigentina. Numerose le finestre radio – televisive nazionali in cui Angelo Ruoppolo è stato ospite. Solo per citarne alcune: Trio Medusa su Radio DeeJay, La vita in diretta su Rai 1, Rai 3 per Blob Best, Rai 1 con Tutti pazzi per la tele, Barbareschi shock su La 7, Rai Radio 2 con Le colonne d’Ercole, con Radio DeeJay per Ciao Belli, su Rai 3 con Mi manda Rai 3, con Rai 2 in Coast to coast, con Rai 2 in Gli sbandati, ancora con Rai 2 in Viaggio nell'Italia del Giro, e con Radio 105 nello Zoo di Radio 105. Più volte è stato presente e citato nelle home page dei siti di Repubblica e di Live Sicilia. Il sosia di Ruoppolo, Angelo Joppolo, alias Alessandro Pappacoda, è stato il protagonista della fortunata e gettonata rubrica “Camera Zhen”, in onda su Teleacras, e del film natalizio “Gratta e scappa”, con una “prima” affollatissima al Cine Astor di Agrigento. I suoi video su youtube contano al marzo 2021 oltre 25 milioni di visualizzazioni complessive. Indirizzo mail: angeloruoppolo@virgilio.it

Most Popular

Covid, 492 positivi in Sicilia nelle ultime 24 ore

Sono 492 i nuovi casi di Covid19 registrati nelle ultime 24 ore nell'isola a fronte di 17.814 tamponi processati in Sicilia. L'incidenza scende al...

Il caso “Acqua a Fontanelle”, l’intervento del comitato “Fontanelle Insieme”

Ad Agrigento l’acqua erogata dal serbatoio di Fontanelle non è risultata conforme ai parametri di potabilità, e ne è stata sospesa l’erogazione. Poi, il...

“Trattativa”, l’intervento dell’avvocato Milio per Mario Mori

In occasione dell’ultima udienza dibattimentale al processo d’Appello sulla presunta “trattativa” Stato – mafia, che si svolge a Palermo, è intervenuto l’avvocato Basilio Milio,...

Blitz di Legambiente alla discarica abusiva a Naro

“Liberi dai veleni”. Nel giorno in cui ricorre l’anniversario dell’omicidio del giudice Rosario Livatino, Legambiente Sicilia ed il circolo Legambiente Rabat di Agrigento hanno...

Recent Comments